GOLFO: AMNESTY SU PENA CAPITALE PER DISERTORI
GOLFO: AMNESTY SU PENA CAPITALE PER DISERTORI

ROMA, 15 GEN. - (ADNKRONOS) - In occasione del dibattito parlamentare di domani, e in vista del possibile coinvolgimento delle Forze Armate italiane in operazioni militari nel golfo persico, la sezione italiana di Amnesty international ha chiesto al governo di fornire garanzie formali circa la non applicabilita' delle norme penali militari di guerra, che ancora prevedono la pena capitale per ben 48 ipotesi criminose (tra le quali la diserzione, la resa e le manifestazioni di codardia).

In particolare, l'organizzazione umanitaria ha chiesto che non venga data attuazione a quanto previsto dall'articolo 9 del Codice Penale Militare di Guerra, relativo all'applicabilita' di tali norme a ''corpi di spedizione all'estero per motivi militari'', ancorche' in tempo di pace ed a prescindere dalla dichiarazione dellos tato di guerra.

La sezione italiana di amnesty International ricorda inoltre come nell'agosto del 1989, al termine di un appassionato dibattito, la Camera dei deputati in tre distinte risoluzioni abbia impegnato il Governo a presentare un disegno di legge per l'abolizione definitiva della pena di morte nelle leggi militari di guerra e come, inoltre, siano state recentemente presentate in tal senso tre proposte di iniziativa parlamentare, assegnate alla Commissione Giustizia della Camera. La Sezione Italiana di Amnesty International, per sollecitare la discussione in Aula di tali proposte, ha raccolto oltre 15 mila firme che verranno presentate al piu' presto alla Presidente della Camera.

(com/pl/adnkronos)