INFORMAZIONE RAI: DIBATTITO IN COMMISSIONE (2)
INFORMAZIONE RAI: DIBATTITO IN COMMISSIONE (2)

nel corso del dibattito, durato circa due ore, si erano susseguiti numerosi interventi. tra gli altri, il democristiano pierferdinando casini aveva sottolineato che ''il problema dell'informazione del servizio pubblico non e' costituito dalla terza rete; essa e' semmai - ha detto l'esponente dc - l'aspetto piu' evidente del problema in quanto ha 'informazione ideologizzata'.

''il problema vero - ha proseguito casini - e' costituito dall'insieme delle regole che presidiano la vita del settore radiotelevisivo, a partire dal ruolo della commissione di vigilanza per finire alle responsabilita' che la legge assegna al direttore generale della rai''. quest'ultimo - ha sottolineato casini - risponde all'azionista ''con l'assunzione della sua diretta e personale responsabilita'''.

il socialista ugo intini e' tornato a sottolineare la necessita' che la rai sia una azienda e, senza nominare il direttore del tg 1 bruno vespa, ha osservato come in una azienda privata i dirigenti non polemizzerebbero mai pubblicamente con i vertici.

intini ha inoltre affermato con forza la necessita' di nuove regole per la rai: ''senza tragedie - ha spiegato il portavoce del psi - bisogna percio' pensare ad una riforma che riporti la rai sotto il controllo della razionalita' e dei normali principi aziendali. altrimenti l'azienda affondera' sotto un mix di corporativismo, lobbIsmo di gruppi editoriali esterni, faziosita' (come quella in cui si distingue soprattutto la terza rete), rissosita' interna e debiti''. (segue)

(val/ZN/ADNKRONOS)