CULTURA: PRESENTAZIONE (3)
CULTURA: PRESENTAZIONE (3)

SUPERATE CONTRAPPOSIZIONI DI COMODO, SCONFITTE QUASI TUTTE LE PAURE DELLA DIVERSITA' E QUEL SENSO DEL RIDICOLO DERIVANTE DALLA DIVERSITA' DELLE ABITUDINI, SUPERATO ANCHE LO SMARRIMENTO DI 'SINGOLARI' TRADIZIONI RELIGIOSE E FAMILIARI SI E' FINALMENTE DI FRONTE AL NUCLEO COMUNE DEL DOLORE-SPERANZA: L'ATTESA DI UNA VITA RADIOSA E INFINITA, SENZA CONFINI E DISCRIMINANTI ASSURDE E SENZA VINCOLANTI LEGITTIMAZIONI TERRENE E DI PARTE.

IL LIBRO SI APRE E SI CHIUDE SUL GESU'-BAMBINO CHE MUORE E NASCE IN OSPEDALE CONSUMANDO IN POCHI ATTIMI I 33 ANNI MEMORABILI DELL'UOMO DIO E CHE HA - COME IL DIO CROCEFISSO NELLA POLVERE - LE MANI SPORCHE DI TERRA ''PARTICOLARE REGISTRATO FEDELMENTE NEL GRANDE QUADRO DELLA CHIESA DI PADRE MUNECHIKA.''

(PAL/PAN/ADNKRONOS)