ISRAELE: CRITICATA PER L'ESPULSIONE DEI PALESTINESI
ISRAELE: CRITICATA PER L'ESPULSIONE DEI PALESTINESI

Gerusalemme, 21 mag -(adnkronos/dpa) - Il governo israeliano ha respinto oggi le numerose critiche internazionali mosse per aver espulso quattro palestinesi, ritenuti responsabili degli ultimi gravi episodi di Intifada. Lo ha fatto attraverso il ministro degli esteri israeliano David Levy, secondo cui le critiche contro Israele, che ha ''rispedito'' in Libano i quattro attivisti, ''sono prive di fondamento'' tanto piu' che Israele ''non accetta nessuna forma di compromesso per quanto riguarda il terrorismo''.

Tra le critiche piovute sul governo di Tel Aviv, si era registrata anche la ''dura condanna'' di Washington tramite il portavoce americano del ministero degli esteri, Margaret Tutwiler. Gli Stati Uniti non hanno esitato infatti nel definire il provvedimento israeliano ''una violazione'' della quarta convenzione di Ginevra sui diritti umani: ''Questa decisione di certo non aiuta il processo di pace che si sta attuando nella regione''.

Anche l'Onu e' sceso in campo attraverso il segretario generale Javier Perez de Cuellar condannando con altrettanto vigore la scelta di espellere i palestinesi e chiedendo a Tel Aviv ''un ripensamento''. L'Egitto dal canto suo si era unito al coro delle proteste denunciando come ''un chiaro abuso'' delle convenzioni internazionali dei diritti umani l'azione israeliana.

(red/pan/adnkronos)