CLIMA: FERMI I FONDI ITALIANI (2)
CLIMA: FERMI I FONDI ITALIANI (2)

(ADNKRONOS) - ''La spiegazione ufficiale sul fermo dei finanziamenti - ha continuato Damiani - e' che ancora non e' stata approvata la legge di riforma dell'Enea, ma e' una scusa palese, una risposta incongruente data dai nostri politici. Noi scienziati siamo pronti a presentare il piano italiano di ricerca fin dal prossimo agosto, in occasione della riunione internazionale di Tokio. Ma poi? ''.

L'Italia e' presente nell'IGBP, che si sviluppa nell'ambito dell'ISCU (International Council of Scientific Unions), con sede a Stoccolma e che raggruppa gli Enti di ricerca di tutto il mondo, con quattro gruppi di lavoro, sotto la presidenza del professore Guerrini del Cnr, impegnati su altrettanti temi relativi al clima globale ed agli equilibri della geosfera e della biosfera: '''Atmosfera'' gestito dall'Enel, ''Ecosistemi'' condotto dall'Universita' di Pisa, ''Mare'' realizzato dall'Enea e di cui Damiani e' il responsabile, e ''Paleoclima'' condotto dall'Universita' di Bologna.

Nel corso del seminario romano, infine, Thomas Rosswall ha parlato dell'andamento delle attivita' di ricerca, per le quali i soli Stati Uniti hanno gia' investito una somma pari a un milione e 300mila dollari (circa un miliardo e ottocento milioni di lire), confermando la previsione di un aumento della temperatura di circa tre gradi entro il 2050.

(Ada/Pan/adnkronos)