ENCICLICA: PROSPETTIVE NEL MONDO 'LA SFIDA DELLA CHIESA'
ENCICLICA: PROSPETTIVE NEL MONDO 'LA SFIDA DELLA CHIESA'

roma 6 giu. -(adnkronos)- ''con la centesimus annus, la chiesa offre indicazioni per una nuova prospettiva sociale, fondata sul primato dell'uomo. e' un'occasione per i cristiani che devono offrire il loro contributo non solo per vincere le nuove poverta', ma per dare un'anima alle stesse realta' sociali, economiche e politiche''. lo ha affermato l'arcivescovo di lecce, mons. cosmo francesco ruppi, che ha presieduto il convegno di prospettive nel mondo, DEDICATO alla nuova enciclica di giovanni paolo secondo, tenutosi ieri a roma alla presenza di alti prelati e numerose autorita'.

tra gli altri, erano presenti al convegno, sergio d'antoni, segretario generale della cisl; luigi abete, vicepresidente della confindustria; franco passuello, vicepresidente delle acli; beniamino andreatta, presidente della commissione bilancio della camera e vincenzo conso, segretario del movimento lavoratori dell'azione cattolica. nell'introduzione, gianpaolo cresci, direttore di 'prospettive nel mondo', ha affermato l'importanza di un documento dottrinale che anticipa le sfide del terzo millennio ormai alle porte. ''la solidarieta' -e' stato dichiarato dall'on. lobianco, presidente della coldiretti- va oltre l'ormai chiara insufficenza ideologica e pratica del socialismo e del liberalismo. la solidarieta' abbraccia non solo i valori globali dell'uomo, ma anche i valori della comunita', costituita da movimenti, gruppi, categorie sociali che si integrano e si arricchiscono nella vita sociale. ''la centralita' dell'uomo, nell'insegnamento di giovanni paolo secondo, e' stata al centro dell'intervento dell'on. maria eletta martini, responsabile della cultura per la democrazioa cristiana.

(red/ZN/ADNKRONOS)