I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (3): L'INTERNO
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (3): L'INTERNO

ROMA. LA QUESTIONE DEL TRASFERIMENTO D'UFFICIO DEI MAGISTRATI E' STATA AL CENTRO DELLA RIUNIONE TENUTA OGGI DAL PLENUM DEL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA, A CUI HA PARTECIPATO IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, CLAUDIO MARTELLI. LA RIUNIONE SI E' APERTA CON UN ABBRACCIO TRA LO STESSO MARTELLI E IL VICE PRESIDENTE GALLONI, A SIGNIFICARE IL SUPERAMENTO DELLE POLEMICHE DEI GIORNI SCORSI. MARTELLI SI E' POI IMPEGNATO AD OTTENERE ENTRO L'ESTATE IL VARO DELLE NUOVE NORME SUL GIUDICE DI PACE, IL CUI VARO ALLEGGERIREBBE IL LAVORO DELLA MAGISTRATURA ORDINARIA.

ROMA. A 24 ORE DALLA SCADENZA DELLA CAMPAGNA PER IL REFERENDUM SULLE PREFERENZE ELETTORALI, I PARTITI LANCIANO I LORO APPELLI PER GUIDARE IL COMPORTAMENTO DEGLI ELETTORI. OGGI E' STATA LA VOLTA DI SOCIALISTI E LIBERALI. I PRIMI INVITANO IL LORO ELETTORATO A NON PARTECIPARE AL VOTO IN QUELLA CHE DEFINISCONO 'UN'INIZIATIVA CHE, USANDO ARGOMENTI FALSI E PRETESTUOSI, VUOLE SFRUTTARE PER FINALITA' SBAGLIATE, LA VOLONTA' DEGLI ELETTORI DI DIRE LA LORO PER IL RINNOVAMENTO DELLE ISTITUZIONI'. I SECONDI AUSPICANO UNA VITTORIA DEL 'SI' E AMMONISCONO I PARTITI MAGGIORI DEL GOVERNO CHE I LIBERALI, IN CASO DI SUCCESSO, NON SI VOTERANNO UN'EVENTUALE NUOVA LEGGE ELETTORALE.

MILANO. GIORNATA NON ESALTANTE IN BORSA, DOVE IL LISTINO DOPO UN'APERTURA POSITIVA HA FINITO PER CHIUDERE CON UN CALO DELLO 0,75 PER CENTO. E' UNA FASE DI RIFLESSIONE, DOPO UN PERIODO DI BUONI GUADAGNI, MA GLI OSSERVATORI NON NASCONDONO UNA CERTA PREOCCUPAZIONE PER L'ASSENZA DEGLI OPERATORI STRANIERI. SUL FRONTE DELLE MONETE, IL DOLLARO E' RIMASTO PRESSOCHE' INVARIATO, CHIUDENDO A 1.296,90, MENTRE LA LIRA HA PERSO IN MANIERA FRAZIONALE SULLE MONETE EUROPEE, CON IL MARCO TEDESCO QUOTATO A 740,84. (SEGUE)

(RED/zn/adnkronos)