ISRAELE: SI' ALL'AUTONOMIA AI PALESTINESI
ISRAELE: SI' ALL'AUTONOMIA AI PALESTINESI

Saint Louis, 6 giu. (adnkronos/shns)- Israele e' pronto ad offrire l'autonomia ai palestinesi dei territori occupati. Lo ha detto ieri l'ambasciatore dello stato ebraico all'Onu, Yoram Aridor, in un discorso tenuto al banchetto del Saint Louis Israel Bond. Il diplomatico sta effettuando un giro propagandistico per tutti gli stati uniti raccogliendo fondi per Israele tra le comunita' ebraiche.

Intervistato dallo ''Scrips and Howard News Service'' prima del suo discorso, Aridor ha spiegato che i termini dell'autonomia che verra' concessa ai palestinesi dovranno essere negoziati con la popolazione araba dei territori ma che, comunque, ''non prevederanno la costituzione di forze militari, o la possibilita' di condurre una politica estera autonoma, cosi' come qualsiasi altra cosa che possa fare pensare alla creazione di uno stato palestinese''.

I palestinesi saranno liberi di decidere - secondo il grado di autonomia che Tel Aviv gli dovrebber riconoscere - in materia fiscale, di immigrazione, sanita' e forze di polizia: ''l'autonomia sara' riconosciuta alla gente che vive in Giudea, Samaria e Gaza'', ha spiegato l'ambasciatore usando i nomi ebraici della Cisgiordania e della striscia di Gaza.

Aridor ha ribadito anche l'irremovibilita' delle posizioni israeliane riguardo ai territori conquistati con la guerra dei sei giorni del 1967: non li lasceremo perche' ci darebbero un margine di sicurezza largo solo circa 15 chilometri, ha detto. Per quanto riguarda infine la conferenza di pace regionale per il medioriente, Aridor ha ripetuto che Israele non accettera' la partecipazione delle Nazioni Unite, in quanto organizzazione ''anti-israeliana''.

(Liv/gs/adnkronos)