MICHELANGELO ALL'ASTA: E '''FALSO'' (3)
MICHELANGELO ALL'ASTA: E '''FALSO'' (3)

(ADNKRONOS) - DAI FINIELI SVIZZERI - HA SCRITTO DI RECENTE LO STORICO DELL'ARTE CARLO BERTELLI - E' GIA' RISORTO UN FALSO VAN GOGH, POI UN LEONARDO; DI RADO UN RAFFAELLO O UN MICHELANGELO.

BERTELLI CITA ANCHE ARGAN IL QUALE RILEVA QUANTO SIA ''IMPROBABILE L'ATTRIBUZIONE'' IN QUANTO NEL 1522 MICHELANGELO ''ERA IMPEGNATO NEL PROGETTO DELLA FACCIATA DI SAN LORENZO A FIRENZE E SI SPINGEVA FINO A CARRARA PER I MARMI DELLE SCULTURE''

MA UN FATTO E' CERTO: IL TITOLARE DELLA CASA D'ASTA SVIZZERA, BENEDICHT GNAEGI, 46 ANNI, E' RIUSCITO A CREARE ATTORNO ALL'OPERA IN SUO POSSESSO UN INTERESSE ENORME. ANCHE UN FALSO MICHELANGELO PUO' VALERE - SE NON I 3 MILIARDI DELLA ''BASE D'ASTA' - ALCUNE CENTINAIA DI MILIONI. E' ANCORA UNA VOLTA IM MERCATO AVRA' VINTO SUI VALORI DELL'ARTE E DELLA POESIA, MENTRE DI OPERE STUPENDE - ANCHE DI AUTORI ASSAI MENO NOTI DI MICHELANGELO, ANTICHI E MODERNI - SI CONTINAUA A NON PARLARE PERCHE' LA ''CREATIVITA' E TALVOLTA IL DRAMMA CHE ESPRIMONO'' NON FAREBBERO NOTIZIA.

(PAL/zn/adnkronos)