MICHELANGELO ALL'ASTA: E '''FALSO'' PER I BENI CULTURALI
MICHELANGELO ALL'ASTA: E '''FALSO'' PER I BENI CULTURALI

ROMA, 6 GIU. -(ADNKRONOS)- E' UN FALSO MICHELANGELO IL DIPINTO AD OLIO - RAPPRESENTANTE UN CRISTO CORONATO DI SPINE - CHE LA CASA D'ARTE SVIZZERA GNAEGI PONE IN VENDITA, DA DOMANI, PER TRE MILIARDI DI LIRE.

LO SOSTIENE IL MINISTERO DEI BENI CULTURALI PRECISANDO CHE ''NON PARTECIPERA', A BERNA, ALL'ASTA DELLA CASA B. GNAEGI PER L'OPERA DETTA ''ECCE HOMO'' ATRIBUITA NEL CATALOGO AMICHELANGELO''.

''L'UFFICIO CENTRALE PER I BENI AMBIENTALI, ARCHITETTONICI, ARCHEOLOGICI, ARTISTICI E STORICI DEL MINISTERO HA INFATTI RILEVATO - AGGIUNGE IL COMUNICATO - CHE SI TRATTA DI UN DIPINTO AD OLIO, SICURAMENTE NON DI MICHELANGELO''.

NESSUNO FRA GLI STORICI DELL'ARTE SEMBRA AVER DUBBI - INFORMA L'ADNKRONOS - SULLA NON AUTENTICITA', MA BENEDICHT GNAEGI TITOLARE DELL' OMONIMA CASA D'ASTA INSISTE SULLA PATERNITA' DELL'OPERA. ''E' LA PRIMA VOLTA CHE UN DIPITO ATTRIBUITO A MICHELANGELO'' - DICHIARA A CHI LO RAGGIUNGE PER TELEFONO NELLA CITTADINA DI LYSS - VIENE POSTA ALL'ASTA''.

IN EFFETTI NESSUN AUTENTICO MICHELANGELO - RILEVANO GLI ESPERTI - POTREBBE ESSERE MESSO ALL'ASTA SENZA L'INTERVENTO DELLO STATO ITALIANO E L'AVVIO DI ACCURATE INDAGINI PER STABILIRE SU COME L'OPERA DI UN GENIO DI TUTTI I TEMPI SIA GIUNTA AD UN'ASTA PRIVATA ''LEGALMENTE''. (SEGUE)

(PAL/PAN/ADNKRONOS)