GIUSTIZIA: DIBATTITO AL CSM (3)
GIUSTIZIA: DIBATTITO AL CSM (3)

(ADNKRONOS) - IN MERITO ALLA MOBILITA' DEI MAGISTRATI, MARASCA HA INOLTRE RICORDATO CHE, IN UN ANNO, SONO STATI DISPOSTI 500 TRASFERIMENTI IN 184 SEDI, MENTRE SONO STATI IMPUGNATI MOLTI DEI TRASFERIMENTI D'UFFICIO DISPOSTI IN BASE A UNA LEGGE PRECEDENTE A QUELLA RECENTEMENTE VARATA SULLA MOBILITA' DELLE TOGHE.

RISPETTO A QUEST'ULTIMA, MARASCA HA AFFERMATO CHE, IL VERO PROBLEMA, E' RISOLVERE QUELLA SCOPERTURA GENERALE E MEDIA DEL 15 PER CENTO DEGLI UFFICI E CHE NON PUO', COMUNQUE, ESSERE AFFRONTATA CON IL DECRETO LEGGE N. 183. IL PRESIDENTE DELLA SECONDA COMMISSIONE DEL CSM HA QUINDI CHIESTO AL MINISTRO LA RAPIDA CONCLUSIONE DEI CONCORSI PER MAGISTRATI E L'ACCELERAZIONE DELLE LORO PROCEDURE; L'ABOLIZIONE DELLE SEDI GIUDIZIARIE INUTILI; UNA FORTE DEPENALIZZAZIONE DEI REATI MINORI, LA RESTITUZIONE DELLA MAGGIOR PARTE DEI GIUDICI FUORI RUOLO. MARASCA HA POI CONCLUSO AFFERMANDO ''CHE POSSONO ESSERE ACCETTATI ANCHE I TRASFERIMENTI D'UFFICIO COME ESTREMA RATIO IN UN QUADRO DI MOBILITA' CHE PREVEDE UNA PERMANENZA MINIMA DI QUATTRO ANNI E MASSIMA DI OTTO NELLA SEDE E NELLA POSIZIONE PROFESSIONALE NELLA QUALE IL MAGISTRATO SIA STATO D'UFFICIO TRASFERITO''. (SEGUE)

(RED/PAN/ADNKRONOS)