CALABRIA: SCULCO (CISL) SU MAFIA E POLITICHE
CALABRIA: SCULCO (CISL) SU MAFIA E POLITICHE

roma, 6 giu. (adnkronos) - ''ormai la politica calabrese si e' data un'organizzazione simile a quella della mafia, perche' valgono solo i rapporti verticali, nel senso che i rappresentanti politici non rispondono all'opinione pubblica ma ai loro capi''. e' questa la presa di posizione di enzo sculco, segretario regionale della cisl-calabria, dopo lo sciopero generale dello scorso 4 giugno in calabria.

la calabria, sempre a detta del rappresentante sindacale, non puo' essere vittima di una classe politica locale che rappresenta ormai solo le carriere personali. ''con la manifestzione del 4 giugno -sostiene sculco- la calabria ha detto basta a questa classe politica. forse, anziche' sciogliere il consiglio comunale di taurianova, bisognerebbe sciogliere il consiglio regionale della calabria o addirittura la stessa giunta''.

le dichairzioni di sculco fanno seguito a quelle del segretario generale della cisl, sergio d'antoni, che nel corso dello sciopero in calabria, ha invitato il presidente olivo ad ''adempiere ai suoi impegni'', accusandolo inoltre di aver lavorato per far fallire la manifestazione.

in riferimento alle problematiche dello sviluppo socio-economico della calabria, sculco ha inoltre affermato che ''e' necessario che la giunta regionale si presenti all'appuntamento con il governo centrale con la volonta' di discutere e trattare, abbandonando l'attuale posizione agnostica nei confronti di qualsiasi progetto di sviluppo della regione.

(red/zev/adnkronos)