REFERENDUM: APPELLO PSI ALL'ASTENSIONE
REFERENDUM: APPELLO PSI ALL'ASTENSIONE

ROMA, 6 GIU. (ADNKRONOS) - DALL'INIZIO DELLA CAMPAGNA REFERENDARIA, BETTINO CRAXI AVEVA ANNUNCIATO CHE IL SUO PARTITO SI SAREBBE RIVOLTO AGLI ELETTORI CON UN APPELLO, SPIEGANDO LA PROPRIA POSIZIONE. L'APPELLO E' GIUNTO OGGI ED E' STATO DIFFUSO DALL'UFFICIO STAMPA MENTRE AL QUINTO PIANO DI VIA DEL CORSO ERA RIUNITO L'ESECUTIVO DEL PSI. IL GAROFANO INVITA GLI ELETTORI A NON PARTECIPARE AL VOTO.

IL PSI, NELL'APPELLO ''RIBADISCE LA PROPRIA DENUNCIA E LA PROPRIA PROTESTA, PER UN'INIZIATIVA REFERENDARIA CHE, USANDO ARGOMENTI FALSI E PRETESTUOSI, VUOLE SFRUTTARE PER FINALITA' SBAGLIATE, LA VOLONTA' DEGLI ELETTORI DI DIRE LA LORO PER IL RINNOVAMENTO DELLE ISTITUZIONI''.

IL TESTO RIPRENDE QUINDI I CINQUE PUNTI GIA' ILLUSTRATI DA CRAXI, DEFINENDO IL REFERENDUM ''INCOSTITUZIONALE'' PERCHE' ''NON ABROGA LA LEGGE ESISTENTE, MA LA MANIPOLA PORTANDO AD UNA DISCIPLINA ASSOLUTAMENTE DISTORTA''. INOLTRE LA CONSULTAZIONE E' DEFINITA ANTIDEMOCRATICA ''PERCHE' RIDUCE IL POTERE DI SCELTA DEI CITTADINI E FORNISCE A TUTTI UNA SOLA PREFERENZA TANTO NELLE CIRCOSCRIZIONI NELLE QUALI SI ELEGGONO 50 DEPUTATI, QUANTO IN QUELLE IN CUI SE NE LEGGONO, CINQUE, DIECI O VENTI''. (SEGUE)

(SAT/PAN/ADNKRONOS)