REFERENDUM: SVIDERCOSCHI (MGS) 'INGANNEVOLI PARADOSSI'
REFERENDUM: SVIDERCOSCHI (MGS) 'INGANNEVOLI PARADOSSI'

roma 6 giu. -(adnkronos)- ''una consultazione di ingannevoli paradossi'', cosi' michele svidercoschi, segretario nazionale del movimento giovanile socialista, ha definito gli argomenti che accompagnano la campagna dei sostenitori del referendum per la riduzione delle preferenze.

''il primo paradosso -ha dichiarato il segretario del mgs- sta nella presunta portata anti-partitocratica di un voto, tanto piu' sospetta quanto piu' declamata da alti esponenti degli stessi partiti, che al contrario non provocherebbe che il rafforzamento del potere di decisione degli apparati partitici a scapito dei cittadini. il secondo -prosegue svidercoschi- si cela dietro la propaganda che indica in un opera di mero aggiustamento elettorale la cura per impedire brogli, quando a cio' si porrebbe un drastico e certo rimedio con l'introduzione, stranamente contrastata, del sistema di votazione elettronico''.

la rigidita' della preferenza unica, non sarebbe certamente la fine di condizionamenti sugli elettori, ma al contrario in tal modo la logica delle cordate potrebbe imporre con maggior facilita' i propri candidati, occupando con il minimo sforzo numerico la totalita' dei seggi disponibili. infine il segretario del mgs ha fatto notare come, con la supposta limitazione delle opzioni, per i nuovi o i giovani candidati diverrebbe improponibile concorrere con le schiere di potenti e facoltosi, dotati di strumenti per ''rastrellare preferenze uniche''.

(red/ZN/ADNKRONOS)