RETEQUATTRO: SPECIALE REFERENDUM
RETEQUATTRO: SPECIALE REFERENDUM

roma, 6 giu. - (adnkronos) - ''io credo che l'attuale sistema delle preferenze che ha una ragione storica di autotutela dei partiti debba finire perche' la contrapposizione con il comunismo e' finita e la gente oggi percepisce perfettamente che non puo' essere sufficiente per un quinto solo dei cittadini il voto per eleggere i parlamentari, perche' oggi accade che solo un cittadino su cinque da' la preferenza e lo usano solo gli iscritti ai partiti''.

queste le parole dell'on. mario usellini (dc), uno dei promotori del 'comitato del referendum sulle preferenze', intervenuto insieme al sen. sandro fontana (dc), ad antonio patuelli, vicesegretario vicario del pli, ad enzo bianco, esponente del pri e al prof. carlo mezzanotte, costituzionalista a ''speciale referendum'', la trasmissione curata e condotta da gianni letta, in onda su retequattro giovedi 6 giugno alle ore 23.50.

sugli eventuali dubbi di anticostituzionalita' per chi sceglie di astenersi, e' intervenuto il prof. mezzanotte: ''il referendum costituisce una libera scelta dell'elettore, e' una situazione di liberta' piena. la non partecipazione ha anche un valore quindi e' una posizione che a pari dignita', dal punto di vista formale, giuridico e morale, e' equiparata alle altre''. (segue)

(com/zev/adnkronos)