AIDS: DI SCENA L'ARCI-GAY
AIDS: DI SCENA L'ARCI-GAY

firenze, 17 giu. (adnkronos) - l'aids e' l'unica malattia che ''viene definita in base a chi la contrae e non certo per le sue modalita' di trasmissione''. un sistema ''assolutamente sbagliato sul piano scientifico'' e che ''produce notevoli e gravi ripercussioni sul piano sociale e culturale''.

cosi' si condensa la protesta dell'arci-gay che oggi ha fatto sentire la proprIA voce nel corso della settima conferenza mondiale sull'aids e che ha accusato l'oms di ''grave errore' nel classificare questa malattia secondo modalita' non rispondenti alla realta'.

l'arci-gay afferma che ''scientificamente non ha senso parlare di aids eterosessuale o omosessuale, perche' le vie di trasmissione sono analoghe''; inoltre non bisognerebbe parlare piu' di ''categorie a rischio'' ma solo delle vie di trasmisione con cui si contrae la malattia.

l'idea che l'aids ''sia la malattia dei drogati e degli omosessuali'' ha avuto ''effetti disastrosi'' su numerosissime persone vittime di ''episodi di razzismo e di discriminazione''.

anche l'arci-gay donna ha voluto far sentire la sua voce esprimendo ''preoccupazione per il gravissimo episodio di violenza sessuale contro una donna, accaduto la scorsa notte'' e ''soddisfazione per l'ampia partecipazione delle donne, eterosessuali e lesbiche alla manifestazione di ieri pomeriggio''.

(map/BB/adnkronos)