I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

BRINDISI. CONTINUA IL DRAMMA DEGLI ALBANESI. FISSATA PER QUESTA SERA LA PARTENZA VERSO L'ALBANIA DEL TRAGHETTO 'ESPRESSO GRECIA, CON A BORDO 600 DEI PROFUGHI CHE LA SCORSA SETTIMANA ERANO RIUSCITI A RAGGIUNGERE SU ZATTERE DI FORTUNA LA COSTE PUGLIESI. NEL POMERIGGIO, INTANTO, E' PARTITA DA TRIESTE LA MOTONAVE 'TIZIANO' CON CENTO ALBANESI, E 120 AGENTI DI POLIZIA E CARABINIERI PER MANTENERE L'ORDINE SULLA NAVE. LA 'TIZIANO' E' DIRETTA A DURAZZO, DOVE GIUNGERA' DOPO 28 ORE DI NAVIGAZIONE, SEGUITA DALLA 'APE', UN'ALTRA MOTONAVE, CON ALTRI CENTO PROFUGHI. IL PREFETTO DI BRINDISI HA INTANTO INVIATO AL MINISTRO BONIVER UN DOCUMENTO NEL QUALE CHIEDE CHE SIA ACCELERATA LA PARTENZA DEI TREMILA PROFUGHI GIUNTI IN ITALIA NEI MESI SCORSI E ANCORA OSPITATI MOMENTANEAMENTE IN ALCUNI ALBERGHI E CAMPEGGI DEL BRINDISINO. DELLA SITUAZIONE VENUTASI A CREARE, DOMATTINA IL MINISTRO PER L'IMMIGRAZIONE DOVREBBE RIFERIRE PRIMA A PALAZZO CHIGI, POI AL PARLAMENTO.

AGRIGENTO. IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI SCIACCA, ROSARIO MESSINA, HA PRESENTATO OGGI FORMALE DENUNCIA CONTRO GLI ORGANIZZATORI DELLA MANIFESTAZIONE DELLA LEGA SETTENTRIONALE, SVOLTASI IERI A PONTIDA. I REATI DI CUI IL MAGISTRATO CHIEDE L'ACCERTAMENTO SONO ATTENTATO CONTRO L'INTEGRITA', L'INDIPENDENZA E L'UNITA' DELLO STATO, PUBBLICA ISTIGAZIONE E APOLOGIA, COSPIRAZIONE POLITICA MEDIANTE ASSOCIAZIONE.

NAPOLI. INDAGINI A TAPPETO DOPO LA SPARATORIA DI SAN GIOVANNI A TEDUCCIO, NELLA QUALE E' RIMASTO GRAVEMENTE FERITO, PER ERRORE, UN BAMBINO, ALBERTO SASSOLINO, DI 8 ANNI. SECONDO GLI INVESTIGATORI LA SPARATORIA SIA NATA DA UNA LITE E NON SI TRATTI DEL SOLITO REGOLAMENTO DI CONTI FRA BANDE IN UNA ZONA CHE HA CONTATO DALL'INIZIO DELL'ANNO GIA' SEI VITTIME. DURANTE LA NOTTE, ALBERTO E' STATO SOTTOPOSTO A INTERVENTO CHIRURGICO E STAMANE HA REGISTRATO UN CERTO MIGLIORAMENTO.

REGGIO CALABRIA. VASTE BATTUTE, FINORA SENZA ALCUN RISULTATO, ALLA RICERCA DEI BANDITI CHE IERI POMERIGGIO HANNO RAPITO IL DENTISTA DI BOVALINO, ANTONIO ERRANTE, DI 42 ANNI. NEANCHE LA TESTIMONIANZA DI UN PASTORE CHE AVEVA ASSISTITO CASUALMENTE AL SEQUESTRO E' STATA UTILE ALLE RICERCHE. I RAPITORI, PERALTRO, NON SI SAREBBERO ANCORA FATTI VIVI, MENTRE LA FAMIGLIA HA FATTO SAPERE DI NON AVERE GRANDI DISPONIBILITA' ECONOMICHE, TANTO CHE IL DENTISTA STAVA MEDITANDO DI CHIUDERE LO STUDIO E TRASFERIRSI ALTROVE.

PALERMO. L'INTERROGATORIO DELL'EUROPARLAMENTARE ED EX SINDACO DEL CAPOLUOGO SICILIANO, SALVO LIMA, E' STATO AL CENTRO DELLA SEDUTA DI STAMANE AL PROCESSO CONTRO VITO CIANCIMINO. ALLE DOMANDE, TESE AD ACCERTARE IL RUOLO AVUTO DA CIANCIMINO NELL'ASSEGNAZIONE DI ALCUNI IMPORTANTI APPALTI, LIMA HA RISPOSTO CHE QUEGLI APPALTI FURONO ASSEGNATI CON UN LARGO CONSENSO E HA NEGATO DI AVER RICEVUTO ORDINI SIA DA CIANCIMINO CHE DA ALTRI. (SEGUE)

(RED/PL/ADNKRONOS)