ONU: I DATI (4)
ONU: I DATI (4)

(adnkronos) - mentre tutta l'europa occidentale presenta valori di emissioni per unita' di prodotto lordo assai contenuti. ma importante e' cogliere anche le differenze all'interno di questi ''campi'' apparentemente cosi' omogenei. i casi piu' significativi paiono essere quelli del giappone e della svezia, da un lato, e quelli del portogallo e degli stati uniti, dall'altro. giappone e svezia, a fronte di emissioni pro capite assai contenute (rispettivamente 2,2 e 1,7 tonnelalte di carbone annue) presentano livelli di emissione per unita' di prodotto interno lordo tra le piu' basse del mondo (rispettivamente 0,1 e 0,09 tonnellate annue).

il portogallo, invece, e' il paese della cee con le piu' basse emissioni pro capite (0,86 tonnellate annue) ma cio' deve essere imputato esclusivamente all'arretratezza del sistema economico, visto che sul piano delle emissioni per unita' di prodotto interno lordo questo stato si colloca in una posizione (0,24 tonnellate annue) ben piu' elevata di quella degli altri paesi cee. infine, il caso americano, dove a fronte di elevatissime emissioni pro capite si manifestano emissioni per unita' di prodotto interno lordo considerevolmente piu' elevate di quelle del resto dell'occidente piu' sviluppato. (segue)

(red/zev/adnkronos)