ONU: I DATI SU EFFETTO SERRA E PIOGGE ACIDE
ONU: I DATI SU EFFETTO SERRA E PIOGGE ACIDE

roma, 17 giu. - (adnkronos) - sulla copertina e' chiaramente indicato che si tratta della terza edizione, un aggiornamento insomma, ma i materiali statistici in base ai quali e' stato costruito questo nuovo environmental data report pubblicato dall'unep (united nations environment programme) rendono questo annuario molto diverso da quello del passato. per la prima volta -come e' riportato dallo speciale adnkronos territorio e ambiente-, infatti, compaiono dati riguaranti decine e decine di paesi, raccolti in maniera ben piu' omogenea che in passato e quindi paragonabili e suscettibili di dare concrete indicazioni.

e, sempre per la prima volta, si considerano i paesi dell'ex blocco comunista e la stessa unione sovietica esattamente al pari, per qualita' dei riferimenti statistici, al mondo occidentale. un panorama dunque assai interessante, e che, pur nell'inevitabile incompletezza, permette finalmente di trarre qualche conclusione giustificata dai dati fattuali su numerose grandi questioni.

e questo, non tanto per stabilire, ad esempio, di chi sia la maggior colpa in materia di inquinamento atmosferico, di contributo alla determinazione del presunto effetto serra, quanto per meglio capire quali siano le prospettive conrete di un'azione internazionale volta a limitare l'entita' di questo fenomeno.

anche per questo vogliamo qui presentare soltanto alcuni elementi contenuti nell'environmental data report, anche a costo di apparire parziali. perche', appunto, non si tratta di una sentenza emessa da un qualche tribunale planetario dell'ambiente, ma di uno strumento di lavoro capace di fornire elementi quantitativi e qualitativi in un dibattito che ancor oggi, forse a maggior ragione dopo la conferenza di ginevra sul clima e a un anno da quella del brasile sullo sviluppo compatibile, rischia talvolta di prresentare delle pieghe tutte ideologiche e poco scientifiche. (segue)

(red/zev/adnkronos)