ELEZIONI SICILIA: OCCHETTO (3)
ELEZIONI SICILIA: OCCHETTO (3)

(ADNKRONOS) - OCCHETTO HA INSISTITO SUL MESSAGGIO CHE DA QUESTE ELEZIONI, MA SOPRATTUTTO DAL RECENTE REFERENDUM, E' STATO INVIATO A CRAXI DAGLI ELETTORI. ''CREDO CHE SIA ARRIVATO PER CRAXI IL MOMENTO DI PRENDERE IN MAGGIORE CONSIDERAZIONE LA RIFLESSIONE CUI IO LO INVITO, PERCHE' NON E' NE' UNA CONTUMELIA, NE' UNA BATTUTA DA STRAPAESE. IO GLI CHIEDO DI RIFLETTERE SU COME TUTTI INSIEME POSSIAMO AVVIARE UN RAPPORTO NUOVO A SINISTRA, TENENDO CONTO DEL FATTO CHE ESISTE UNA SINISTRA PULITA (E NON VALGONO LE BATTUTE CHE ANCHE RAUTI E PININFARINA HANNO VOTATO PER IL REFERENDUM) CHE VUOLE LA RIFORMA DELLA POLITICA, CHE NON VIENE NE' DALLA TRADIZIONE COMUNISTA, NE' DA QUELLA SOCIALISTA. SE SI VUOLE VERAMENTE L'ALTERNATIVA BISOGNA ALLARGARE IL DISCORSO A TUTTA LA SINISTRA, SULLA BASE DI UNA LEGGE ELETTORALE CHE PERMETTA DI PRESENTARE UNA COALIZIONE IN ALTERNATIVA ALLA DC''.

SECONDO IL SEGRETARIO DELLA QUERCIA IL PRESIDENZIALISMO ''NON E' LA SOLUZIONE. SE VOGLIAMO RACCOGLIERE TUTTE LE FORZE LAICHE, CATTOLICHE E PROGRESSISTE ALTERNATIVE E' NECESSARIO DARE ALL'ELETTORE LA POSSIBILITA' DI SCEGLIERE UNA ALTERNATIVA IN CUI CIASCUNO POSSA VOTARE PER LA PROPRIA FORZA POLITICA E NELLO STESSO TEMPO SCEGLIERE UNA COALIZIONE''. (SEGUE)

(SAT/PL/ADNKRONOS)