CONGRESSO PSI: RELAZIONE CRAXI - RIFORME ISTITUZIONALI
CONGRESSO PSI: RELAZIONE CRAXI - RIFORME ISTITUZIONALI

BARI, 27 GIU. (ADNKRONOS) - IL SEGRETARIO DEL PSI CRAXI HA DETTO CHE SONO TRE GLI ASPETTI FONDAMENTALI DEL LIVELLO DI RIFORMA CHE I SOCIALISTI INTENDONO PERSEGUIRE: ''LA SCELTA CON VOTO POPOLARE DI UN CAPO DELLO STATO CHE SIA MUNITO DI POTERI DI ALTA DIREZIONE POLITICA; UN FORTE PARLAMENTO CHE ESPRIMA FIDUCIA AL PRIMO MINISTRO, ASSICURI LA STABILITA' DEI GOVERNI E ABBIA UNA RAPPRESENTATIVITA' PLURALISTA, MA SENZA ECCESSI DI FRAMMENTAZIONE; PIU' AMPIE AUTONOMIE REGIONALI CON IL CONFERIMENTO ALLE REGIONI DI NUOVI POTERI E NUOVE COMPETENZE''.

CRAXI HA OSSERVATO CHE LA PRIMA PROPOSTA HA SUSCITATO IN LARGA PARTE DELLA CLASSE POLITICA ''DELLE REAZIONI LETTERALMENTE ISTERICHE''. SONO STATE ''SCAGLIATE IN QUALCHE CASO CON UNA VIRULENZA POLEMICA INAUDITA ACCUSE DI OGNI GENERE A PARTIRE DA QUELLA DI AUTORITARISMO, DI MINACCIA DITTATORIALE E VIA CON QUESTO TONO''.

''LE IRONIE SI SONO SPRECATE E ANCHE LE IMPENNATE DEMAGOGICHE CHE AGLI OCCHI DI CHI HA MANTENUTO SERENITA' DI GIUDIZIO, NON POSSONO NON ESSERE APPARSE IN TUTTA LA LORO STUPIDA COMICITA'. NOI SIAMO UN PARTITO CHE CONTA OGGI POCO PIU' DEL 15 PER CENTO DEI VOTI. NON POSSIAMO NE POTREMMO IMPORRE BIENTE A NESSUNO. POSSIAMO SOLO PROPORCI DI CONVINCERE I NOSTRI INTERLOCUTORI POLITICI, O PARTE DI ESSI, E DI CONVINCERE I CITTADINI COSI' COME CI SIAMO VENUTI CONVINCENDO NOI. PER IL RESTO NON POSSIAMO E NON POTREMMO FAR ALTRO CHE RIMETTERCI AL GIUDIZIO DELLA MAGGIORANZA DEL PARLAMENTO O DELLA MAGGIORANZA DEL POPOLO SE A QUESTI UN GIORNO VERRA' RICONOSCIUTO IL DIRITTO DI PRONUNCIARSI, COME SAREBBE SACROSANTO E GIUSTO, SULLA FORMA DELLA REPUBBLICA CON UN VOTO IMPERNIATO SU DI UNA LIBERA SCELTA. (SEGUE)

(GUG/RDA/ADNKRONOS)