CONGRESSO PSI: RELAZIONE CRAXI - UNITA' SOCIALISTA E PDS
CONGRESSO PSI: RELAZIONE CRAXI - UNITA' SOCIALISTA E PDS

BARI, 27 GIU. (ADNKRONOS) - ''DIVERSAMENTE DA QUANTO E' STATO DETTO E SCRITTO IN QUESTI GIORNI NOI -HA DETTO CRAXI- NON ABBIAMO POSTO AL PDS IL PROBLEMA DELL'UNITA' SOCIALISTA DOPO E A SEGUITO DEL RISULTATO DEL REFERENDUM, E DOPO IL RISULTATO DELLE ELEZIONI SICILIANE CHE E' STATO PER NOI UN RISULTATO POSITIVO MA NON UN SUCCESSO. NOI PONEMNMO UN PROBLEMA DI QUESTA NATURA E DI QUESTA PORTATA ALL'INDOMANI DEL CROLLO DEI REGIMI COMUNISTI NELL'EUROPA ORIENTALE E LO PONEMMO NON AL PDS CHE ALLORA NON C'ERA MA AL PARTITO COMUNISTA ITALIANO E A TUTTO IL PARTITO COMUNISTA ITALIANO''. SI E' TRATTATO DI ''UN ATTO DI GRANDE RESPONSABILITA', DI CONSAPEVOLEZZA DEL NOSTRO RUOLO E DEI NOSTRI DOVERI VERSO LE POSSIBILITA' DI UNA RICOSTITUZIONE IDEALE DEL MOVIMENTO SOCIALISTA ORIGINARIO, CHE SI ERA VENUTO DIVIDENDO ATTRAVERSO IL TRAVAGLIO E LE ESPERIENZE DI DIVERSE GENERAZIONI DI MILITANTI. LA NOSTRA E' STATA SUBITO UNA POSIZIONE APERTA AL DIALOGO, UNA POSIZIONE COSTRUTTIVA E PENSO ANCHE LUNGIMIRANTE. LE RISPOSTE UFFICIALI CHE RICEVEMMO A TAMBUR BATTENTE FURONO PER LO PIU' POLEMICHE E SUPERFICIALI''.

''CI SIAMO SFORZATI ALLORA DI CHIARIRE CHE COSA INTENDEVAMO PER 'UNA UNITA' SOCIALISTA' E TORNIAMO A FARLO. NOI IMMAGINIAMO CHE SIA POSSIBILE AVVIARE UN PROCESSO CHE GRADATAMENTE RIACCOSTI TRA LORO TUTTE LE TENDENZE E QUINDI TUTTI I PARTITI CHE SI CHIAMANO O INTENDANO RICHIAMARSI AL SOCIALISMO DEMOCRATICO. UN PROCESSO CHE RIDUCA LE DISTANZE, SUPERI LE DIVISIONI, DEFINISCA UN QUADRO DI PRINCIPI, PER SFOCIARE ALLA FINE IN UN VINCOLO UNITARIO, CHE SARA' AD UN TEMPO RISPETTOSO DELLA AUTONOMIA DI CIASCUNO E GARANZIA DELLA UNITA' DELLE FORZE, DELLA LORO ISPIRAZIONE SOCIALISTA, DEI LORO OBIETTIVI COMUNI. TUTTO QUESTO NON PUO' ESSERE FRUTTO NE' DI UNA IMPROVVISAZIONE NE' DI UN ULTIMATUM, NE' DI CONDIZIONI PREGIUDIZIALI. NOI ATTRIBUIAMO GRANDE IMPORTANZA ALLA POSSIBILITA' DI REALIZZARE UN REALE PROCESSO DI UNITA' SOCIALISTA''. ''CONSIDERIAMO L'UNITA' SOCIALISTA COME UNA CONSEGUENZA NATURALE ED INEVITABILE DI AVVENIMENTI E DI ESPERIENZE STORICHE PARTE DELLE QUALI NOI STESSI ABBIAMO DIRETTAMENTE VISSUTO. CHI VUOLE CANCELLARE LA LEZIONE DEI FATTI E LE ESPERIENZE DELLA STORIA E' CONDANNATO A CAMMINARE ALLA CIECA. CHI PRETENDE DI INSISTERVI, FINISCE CON L'ESSERE INSINCERO, INNANZITUTTO CON SE STESSO''. (SEGUE)

(GUG/RDA/ADNKRONOS)