INDUSTRIA CHIMICA: SCONOSCIUTA AGLI ITALIANI
INDUSTRIA CHIMICA: SCONOSCIUTA AGLI ITALIANI

Roma, 18 gen. (adnkronos) - Luci ed ombre, ambiguita' e aspettative. Agli occhi degli italiani la chimica appare meno temibile che in passato, ma il rapporto con questo settore rimane costellato di paure, contraddizioni, scarse conoscenze e grandi attese. All'industria chimica si chiede infatti di essere piu' forte e competitiva per garantire sviluppo e benessere, ma, allo stesso tempo, si vuole che sia piu' pulita e meno pericolosa per la salute e l'ambiente.

Ma il sentimento che piu' domina le complesse relazioni fra opinione pubblica e imprese chimiche e' la voglia di saperne di piu' in un campo dove addirittura il 78 per cento della popolazione ammette di conoscere poco o niente.

Questi dati e queste indicazioni emergono dal sondaggio-ricerca sugli italiani e la chimica che l'InterMatrix sta conducendo dal 1989 per Federchimica e del quale e' stata appena pubblicata la terza parte (relativa al giugno-luglio 1991). La fotografia che scaturisce dalle interviste svolte su un campione di 1900 persone tra i 14 e i 74 anni -riportata dallo speciale Adnkronos ''Territorio e Ambiente''- e' quella di un rapporto in via di miglioramento, ma ancora gravato dai molti pregiudizi che gli italiani nutrono nei confronti del mondo industriale.

Infatti, mentre l'86 per cento degli intervistati riconosce che l'industria ha creato ricchezza e benessere, ben l'81 per cento degli italiani e' molto preoccupato per l'impatto ambientale dell'industria e per l'orgia di offerta di prodotti non sempre utili (76 per cento). (segue)

(ata/gs/adnkronos)