GOLFO: L'OSSERVATORE ROMANO, LA GUERRA E' UNA SCONFITTA
GOLFO: L'OSSERVATORE ROMANO, LA GUERRA E' UNA SCONFITTA

roma 18 gen. (adnkronos) - l'osservatore romano negli ''acta diurna'' di domani, interviene sulla guerra del golfo giudicandola ''una sconfitta: oggi piu' che ieri'' E DEFINENDOLA nuovamente ''strumento primitivo'' per la risoluzione dei problemi. ''le rievocazioni dei 'viNcenti' - si legge in un articolo - sono come stemperate dalla sproporzione fra la tecnologia bellica impiegata ed i riisultati politici ottenuti. quelle dei 'perdenti' constatano, al livello del potere, soltanto un certo ridimensionamento ma non l'uscita dal giro dei potenti e degli equilibri precari dei quell'area geo-politica. i pozzi petroliferi contesi - prosegue l'articolo - non Va mai dimenticato che questo e' stato il motivo reale e scatenante della guerra, sono tornati ai legittimi proprietari, anche multinazionali, ai quali erano stati illecitamente sottratti''.

''di fronte alle situazioni conflittuali - conclude la nota - urge invece la memoria degli imperativi etici che sempre dovrebbero prevalere: il carattere sacro della persona umana, in qualunque parte esa si trovi; la forza del diritto; l'importanza del dialogo e del negoziato; il rispetto dei patti internazionali. sono queste le uniche armi che rendono onore all'uomo, come dio ha voluto''.

(RED/PE/ADNKRONOS)