COSSIGA: L'INIZIATIVA DELLA DC (4)
COSSIGA: L'INIZIATIVA DELLA DC (4)

(ADNKRONOS) - SOLO IL CAPOGRUPPO DC A PALAZZO MADAMA, NICOLA MANCINO, HA REGALATO AI CRONISTI QUALCHE BATTUTA. LO HA FATTO AL SENATO, PARLANDO INNANZITUTTO DELLA PREANNUNCIATA LETTERA D'ADDIO ALLA DC DI COSSIGA. UNA LETTERA, LA CUI STESSA ESISTENZA E' STATA NEGATA DAI VERTICI DC AL TERMINE DELLA RIUNIONE DI SEGRETERIA. (DE MITA: '' NON E' ARRIVATA, FORSE LE POSTE RITARDANO''; ANDREOTTI: ''IO NON L'HO VISTA...FORSE ARRIVERA'; GAVA: ''QUANDO SONO ARRIVATO I GIORNALISTI MI HANNO DETTO CHE C'ERA UN LETTERA. QUESTA LETTERA NON C'E', CHE COSA VI DEVO DIRE?'').

MANCINO HA NEGATO CHE LA DC STESSE TENTANDO DI ''BLOCCARE'' LA LETTERA DEL PRESIDENTE. ''TUTTO QUEL CHE ACCADE- HA DETTO- AVVIENE PER SCIENZA E COSCIENZA DEL CAPO DELLO STATO. NOI NON ABBIAMO QUESTO POTERE. BRANCOLIAMO NEL BUIO''. IL CAPOGRUPPO DC AL SENATO HA QUINDI DEFINITO ''UN AMMASSO DI INGIURIE INGIUSTE'' QUELLE RIVOLTE DA COSSIGA A GAVA.

MENTRE MANCINO PARLAVA, IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE STRAGI, LIBERO GUALTIERI RACCONTAVA AD ALCUNI GIORNALISTI UN EPISODIO RECENTE, RIGUARDANTE FORLANI. ''L'ALTRO GIORNO- HA AFFERMATO- L'HO INCONTRATO E RIFERENDOMI ALL'ATTEGGIAMENTO DI COSSIGA NEI MIEI CONFRONTI GLI HO DETTO: 'IO SONO UN PERSEGUITATO POLITICO'. E LUI SAPETE CHE COSA MI HA RISPOSTO: VERAMENTE, IL PERSEGUITATO POLITICO SONO IO''. (SEGUE).

(MEL/BB/ADNKRONOS)