TOGLIATTI: DC, NE' STRUMENTALIZZARE NE' COPRIRE
TOGLIATTI: DC, NE' STRUMENTALIZZARE NE' COPRIRE

Roma, 7 Feb. (Adnkronos) - ''Non intendiamo lasciarci trascinare in polemiche strumentali, ne' vogliamo offrire coperture a chi, essendo adusato ad asservire la storia ai propri disegni egemonici, cerca ora di attribuire a manovre politiche l'emergere irrefrenabile di un passato che non tollera risposte ambigue ne' evasioni ipocrite''. Lo scrive Sandro Fontana, direttore de ''Il Popolo'', in un articolo nel quale si ribadisce che per la Dc ''la famigerata lettera di Togliatti non modifica il giudizio sulla doppiezza e il cinismo del leader comunista, maturato in tempi non sospetti''.

Quella che si e' aperta e' una polemica che la dc segue ''con grande attenzione'' ma che riguarda ''soprattutto -aggiunge il direttore de ''il popolo''- coloro che non osano regolare i propri conti con la storia''. Fontana polemizza a questo proposito con gli storici Tranfaglia e Salvadori e con ''il solito'' Giorgio Bocca, accusandoli di aver scatenato ''una incredibile offensiva che rivela alcuni aspetti curiosi: gli attuali denunciatori dell'uso politico della storia -afferma Fontana- sono in genere gli stessi che da mesi cerca, sulla vicenda Gladio, di manipolare 40 anni di storia per dimostrare che in Italia l'alternanza e' sempre stata bloccata con la violenza''.

Sandro Fontana vede quindi ''da un lato, il terrore per l'emergere prepotente di una realta' a lungo deformata; dall'altro, l'utilizzo spregiudicato di ogni indizio storico per delegittimare il ruolo democratico della dc''. Due atteggiamenti non in contrasto: ''sono le facce -sostiene Fontana- della stessa medaglia, frutto di una lunga elaborazione ideologica che, lungi dal sottolineare il carattere ambiguo dell'azione di Togliatti e del Pci, ha sempre cercato di esaltarne l'affidabilita' democratica e di auspicarne l'avvento al governo''. Fontana se la prende quindi con lo storico cattolico Pietro Scoppola, accusandolo di aver collocato l'opera di Togliatti ''nella costruzione della nostra democrazia'' sullo stesso piano di quella di De Gasperi.

(Red/gs/adnkronos)