CRIMINALITA': MARTELLI GIRA LE CONTESTAZIONI A SCOTTI (2)
CRIMINALITA': MARTELLI GIRA LE CONTESTAZIONI A SCOTTI (2)

(ADNKRONOS)-IL MINISTRO HA QUINDI ANNUNCIATO CHE NEI PROSSIMI GIORNI PASSERA' FINALMENTE AL VAGLIO DEL PARLAMENTO LA NUOVA LEGGE ''ANTI-RAKET'' CHE PER LA PRIMA VOLTA -HA RILEVATO- STIMOLA LA RESISTENZA DI CHI E' SOTTOPOSTO ALLE ESTORSIONI ATTRAVERSO LA COOPERAZIONE TRA LO STATO, LE CATEGORIE DEI COMMERCIANTI E DEGLI ARTIGIANI E LE FORZE DEPUTATE AL CONTRASTO DELLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA.

''PENSO CHE SENZA UN IMPEGNO DIRETTO DEI CITTADINI -HA AFFERMATO MARTELLI- LO STATO NON VINCERA' DA SOLO LA PARTITA CONTRO LA MAFIA, PERCHE' LA MAFIA NEL MEZZOGIORNO NON E' SOLTANTO UN FENOMENO DI POTERE O DI BANDE ORGANIZZATE, HA PURTROPPO DELLE RADICI DIFFUSE NEL CLIMA DI OMERTA', IN UN AMBIENTE SPESSO MALSANO, NELLA MISERIA CHE NON DI RADO C'E' IN QUEI LUOGHI''.

A GIUDIZIO DI MARTELLI, OCCORRE CHE ACCANTO ALLE INIZIATIVE DELLO STATO CI SIA ''UN SOPRASSALTO DEI CITTADINI, UN RIFIUTO DI SOTTOMETTERSI ALLA VIOLENZA CON LA DENUNCIA, CON L'ASSOCIAZIONE, CON LA PROTESTA SPONTANEA O ORGANIZZATA ED ANCHE RICONOSCENDO IL DIRITTO ALLA LEGITTIMA DIFESA''.

SPIEGANDO MEGLIO QUEST'ULTIMO CONCETTO IL MINISTRO HA PRECISATO: ''NON HO INVITATO NESSUNO AD ARMARSI, MA RICONOSCO IL DIRITTO ALLA LEGITTIMA DIFESA, CHE DEL RESTO STA SCRITTO NELLE NOSTRE LEGGI E CHE NON HO INVENTATO IO, PER CHIUNQUE SIA ESPOSTO AD UN PERICOLO GRAVE E DIRETTO SU SE STESSO, SUI SUOI CARI O SUI PROPRI CONCITTADINI''. HA RICORDATO CHE DEL RESTO LE LEGGI DI TUTTI GLI STATI DEL MONDO OLTRECHE' IL NORMALE BUONSENSO PREVEDONO L'IMPUNITA' PER CHI SI DIFENDE LEGITTIMAMENTE. ''NON E' UN INVITO A FARE IL VIGILANTE NE' A FARE LE RONDE''.

(PLU/RDA/ADNKRONOS)