POLO FERROVIARIO: IL 20 (2)
POLO FERROVIARIO: IL 20 (2)

(adnkronos) - ''a palazzo chigi - ha affermato bernini- avevamo considerato insieme questi due problemi, cioe' di come realizzare una produzione industriale valida e come risanare il settore, perche' ci sembrava che la soluzione comune di questi problemi potesse contribuire al risanamento riducendo al minimo il ricorso ad ammortizzatori sociali che pure sono indispensabili''.

giovedi' dunque si discutera' a lungo della situazione negativa del settore. l'indotto e' in crisi da circa tre anni: commesse bloccate e un migliaio di lavoratori in cassa integrazione sono l'ostacolo da rimuovere per partecipare ai futuri appalti. il piano dell'industria ferroviaria prevede entro il 1997 l'eliminazione di 3500 posti di lavoro e l'uscita dal settore di una parte delle imprese.

su questo punto il ministro dei trasporti ha fatto osservare che il governo aveva proposto agli industrali del settore di collaborare insieme alle organizzazioni sindacali per la riorganizzazione del comparto ferroviario. ''il governo - ha dichiarato BERNINI- ''farebbe in questo caso la sua parte. nel caso non si raggiunga questo accordo con tutti i gruppi industriali, non solo con i maggiori, il governo, il ministro dei trasporti, insieme ad altri ministeri a cominciare da quello del lavoro, perseguira' lo stesso obiettivo che ha dimostrato di saper perseguire in altri settori produttivi in crisi''.

infine, sulle voci di collaborazione della fiat ferroviaria con i francesi dell'asthom, il ministro ha concluso affermando che ''non dobbiamo scandalizzarci delle alleanze internazionali, perche' sono necessarie a tutti i grandi costruttori. se non mi sento di dire il contrario, per me resta valido che la fiat non intende disinteressarsi del settore industriale ferroviario''.

(cre/gs/adnkronos)