INDIA: ELEZIONI IN PUNJAB
INDIA: ELEZIONI IN PUNJAB

Nuova Delhi, 18 feb. (ADNKRONOS/DPA)- Sotto la minaccia dei fucili dei 300mila soldati inviati dal governo indiano e dei separatisti sikh fautori della creazione di un ''Khalistan'' indipendente, il Punjab si appresta ad andare domani alle urne per eleggere 117 rappresentanti al parlamento locale di Chandigarh e 13 deputati alla ''Lok Sabha'', la camera bassa del parlamento di Nuova Delhi. Le elezioni legislative nel tormentato stato settentrionale indiano dilaniato da un conflitto politico e religioso che miete una media di 2.000 vittime l'anno si sarebbero dovute originariamente tenere contestualmente a quelle svoltesi in tutta l'India nel maggio del 1991, ma motivi di sicurezza hanno indotto il governo federale a rinviarle di volta in volta fino ad oggi, sottoponendo il Punjab all'autorita' diretta di Nuova Delhi.

La consultazione viene boicottata dal principale partito sikh, l' ''Akali Dal'' - formazione che raccoglie gran parte dei consensi dei nove milioni di sikh del Punjab, il 60 per cento della popolazione dello stato - e gli estremisti sikh hanno minacciato gravi ritorsioni contro chiunque violera' il boicottaggio elettorale. Si prevede quindi un'affluenza scarsissima nelle campagne - dove sono concentrati i sikh - e meno scarsa nelle citta' - dove risiede la minoranza hindu. I sondaggi prevedono che il Partito del Congresso del premier Narasimha Rao conquistera' 10 dei 13 seggi in palio alla ''Lok Sabha'', dove il governo di minoranza dovrebbe quindi veder aumentare la propria rappresentanza da 233 a 243 seggi su 520.

(lun/gs/adnkronos)