PRESIDENZIALI: BUSH (2) - I CINQUE ''ASINELLI''
PRESIDENZIALI: BUSH (2) - I CINQUE ''ASINELLI''

(ADNKRONOS) - Sul fronte democratico invece la partita si gioca diversamente. I concorrenti al nastro di partenza sono cinque. I sondaggi danno per scontato la vittoria dell'ex senatore del Massachusetts, Paul Tsongas e il secondo posto al governatore dell'Arkansas, Bill Clinton, nell'occhio del ciclone di una diffamante campagna stampa ''rosa'' nutrita di scandali e scandaletti sulla sua vita privata. Quello che interessa per potere fare previsioni a lunga scadenza, e', in questo caso, notano gli osservatori elettorali, chi si piazzera' terzo. In lizza ci sono Tom Harkin, che ha vinto i caucases (comizi elettorali rigorosamente riservati ai membri del partito) dello Iowa, che si sono tenuti il dieci febbraio; il senatore del Nebraska Tom Kerrey e l'ex governatore della California Edmund ''Jerry'' Brown junior.

Se nessuno dei tre riuscisse a sfondare il tetto del 18 o 19 per cento, chariscono gli analisti, questo significherebbe che alle primarie del South Dakota, il 25 febbraio PROSSIMO, potrebbe entrare in scena un altro candidato, Richard Gephardt del Missouri, leader della maggioranza della camera. L' altra variante da non escludere e' data dal ''fattore Cuomo''. Secondo una ''doxa'' locale, meta' degli elettori democratici -44 per cento- avrebbe dichiarato di non avere simpatie per nessuno dei contendenti, e un quarto in particolare - il 24 per cento - starebbero seriamente considerando l'eventualita' di votare per un ''non candidato''. E quello per eccellenza, che tra l'altro sembra riscuotere molti consensi nello stato, resta senz'altro il governatore di New York. (SEGUE)

(IAC/PE/ADNKRONOS)