8 MARZO: AD AGNONE ''WWF E UNA CITTA' DELLE DONNE''
8 MARZO: AD AGNONE ''WWF E UNA CITTA' DELLE DONNE''

roma 6 mar.(adnkronos) - non piu' solo ''baccanali femminili'' e mimose. per l'8 marzo da quest'anno una ''citta' delle donne'' ad agnone, un piccolo centro in provincia di isernia. domenica ci sara' la posa della prima pietra. ad avere l'idea di festeggiare in modo diverso ''donne e uomini insieme'' la giornata piu' femminile dell'anno e' stato il dottor domenico lanciano.

citta' delle donne e non solo. il signor lanciano ha infatti deciso di avviare anche il ''wwf'' (woman world festival) ovvero tutto cio' che si riferisce alla donna, dai film al teatro, dalla moda allo sport, dallo spettacolo alla gastronomia, dalla religione alla politica. ''la scelta di siglare wwf questo festival -ha dichiarato all'adnkronos domenico lanciano- e' un fatto totalmente intenzionale, si difende tutto, gli animali, la natura, l'ozono, ma non si pensa al genere umano. le donne discriminate, stuprate, emarginate. noi lanciamo una sfida, non vogliamo ''difendere'' la donna ma il genere umano. parlare di donne e' parlare di tutto, di famiglia, di aborto, di asili e scuole, della societa'''.

e tra le tante sfide del dottor lanciano vi sono, da creare all'interno della ''citta''', una ''chiesa donna'' come punto permanente di incontro ecumenico sul ruolo delle donne nelle varie confessioni religiose. l'istituzione di un ''tribunale-forum'' per la discussione dei diritti-doveri socio-politici delle donne nelle varie realta' locali e nazionali.

per rimanere in tema, per la posa della prima pietra non vi saranno ''personalita''', sara' invece una donna, teresa labate, che ''con la pioggia o con la neve, sulla sua bicicletta, consegna gli espressi in citta''' a tagliare il nastro.

(red/BB/ADNKRONOS)