GOLFO: TROPPI MORTI, LICENZIATA FUNZIONARIA USA (2)
GOLFO: TROPPI MORTI, LICENZIATA FUNZIONARIA USA (2)

(adnkronos) - Come per incanto, pochi giorni dopo la pubblicazione dell'articolo. il ''dossier Iraq'' e tutti i dati da lei raccolti scomparvero dal tavolo della Daponte e il suo capo al Centro per le Ricerche Internazionali, signora Barbara Boyle Torrey, le annuncio' il licenziamento perche' colpevole di avere ''incluso informazioni false'' nel suo rapporto. Da quanto si e' saputo in seguito, il maggiore accusatore della funzionaria e' stato il colonnello in pensione Trevor N. Dupuy, uno storico militare da lei intervistato che confuto' i dati da lei raccolti e, poi, pubblicati. Anche in un'intervista concessa la settimana scorsa il colonnello ha ribadito che la daponte ha ''attribuito a lui dati non veri''. Dal canto suo ''l'imputata'' si e' difesa dicendo di essersi avvalsa di dati e stime forniti dagli organismi internazionali e dalle organizzazioni private che hanno studiato ''in situ'' la situazione irachena negli ultimi dodici mesi.

In attesa che il suo licenziamento diventi definitivo, la daponte si sta consultando con i legali del American Civil Liberties Union e, molto probabilmente, chiedera' giustizia alla magistratura. Ma secondo William M. Arkin, ex funzionario della Cia ed oggi consulente dell'associazione ambientalista ''Greenpeace'', deve iniziare a cercare un altro lavoro: ''so' gia' come andra' a finire - ha deto Arkin - Beth diventera' un altro caso di quei famosi ''danni collaterali'' prodotti dal governo con la campagna martellante condotta per evitare ogni speculazione e discussione sulla questione delle vittime irachene. Insabbieranno tutto''.

(Liv/gs/adnkronos)