I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

PALERMO. UCCISO NEL POPOLARE QUARTIRE DEL CEP MAURIZIO RENDA DI 6 ANNI, CUGINO DI SANTINA, LA BAMBINA MISTERIOSAMENTE SCOMPARSA DUE ANNI FA. IL PICCOLO MAURIZIO E' STATO STRANGOLATO CON UN FIL DI FERRO RITROVATO, INSIEME AL CORPICINO, ALLE 22 DI IERI IN FONDO A UIN POZZO. LA POLIZIA HA ANCHE FERMATO UNA PERSONA: SI TRATTA DI VINCENZO CAMPANELLA, IL MINORATO DI 19 ANNI CHE TYRE MESI DOPO LA SCOMPARSA DI SANTINA SI ERA AUTOCCUSATO DELLA MORTE DELLA BAMBINA, MA POI AVEVA RITRATTATO. AL GIOVANE LA POLIZIA E' GIUNTA GRAZIE ALLA TESTIMONIANZA DI ALCUNI COMPAGNI DI GIOCO DI MAURIZIO CHE LO HANNO VISTO SALIRE SULLA MOTOAPE GIALLA DELL'INDIZIATO.

VENEZIA. CINQUE MORTI E NUMEROSI FERITI IN UNA SERIE DI TAMPONAMENTI PROVOCATI IERI DALLA NEBBIA IN LOMBARDIA E IN VENETO. L'INCIDENTE PIU' GRAVE SI E' VERIFICATO SULLA CORSIA NORD DELLA A-22, TRA NOGAROLE ROCCA E VERONA, DOVE DUE PERSONE HANNO PERSO LA VITA IN UN TAMPONAMENTO TRA CINQUE MEZZI PESANTI E UNA DECINA DI AUTO. POCHI MINUTI DOPO UN'ALTRA VITTIMA, SULLA STESSA CARREGGIATA, PER UNO SCONTRO TRA TRE CAMION E UN'AUTO. L'AUTOSTRADA E' RIMASTA CHIUSA, PER QUASI TUTTO IL GIORNO, TRA MANTOVA NORD E VERONA NORD. UNA QUARTA PERSONA ERA MORTA IN MATTINATA PER IL ROVESCIAMENTO DI UN'AUTOCISTERNA CHE HA INVASO ENTRAMBE LE CORSIE DELL'A-4, FRA SOMMACAMPAGNA E VERONA EST. NELLO STESSO TRATTO AUTOSTRADALE LA QUINTA VITTIMA, PROVOCATA DALLO SCHIANTO FRA CINQUE AUTOTRENI E TRE AUTO.

VENEZIA. AVVISO DI GARANZIA PER IL MINISTRO DEI TRASPORTI, CARLO BERNINI, PER UNA SERIE DI APPALTI AUTOSTRADALI E OPERE PUBBLICHE IN VENETO E IN CINQUE REGIONI DEL SUD. BERNINI HA REPLICATO CHE SI TRATTA DI UNA MANOVRA PREELETTORALE E HA DICHIARATO LA SUA ESTRANEITA' ALLA VICENDA. ALTRI SETTE AVVISI DI GARANZIA SONO STATI INVIATI AD ALTRETTANTE PERSONE, FRA LE QUALI IL SEGRETARIO DEL MINISTRO DEGLI ESTERI, DE MICHELIS.

CATANIA. RESTERA' CON IL PADRE IL BAMBINO MESSINESE CHE, PER NON ANDARE DALLA MADRE, RESISTETTE ALLA FORZA PUBBLICA. FABIO MANGANO, 10 ANNI, QUESTA VOLTA HA POTUTO FAR SENTIRE LE SUE RAGIONI. IL GIUDICE, DOPO UN TENTATIVO DI CONCILIAZIONE, CONSTATATE LE RESISTENZE DI FABIO, HA SOSPESO, ALMENO FINO A GIUGNO, L'ORDINANZA CHE IMPONEVA IL SUO AFFIDASMENTO ALLA MADRE, ROSA RANDAZZO. QUESTA VOLTA, INOLTRE, I GENITORI SI SONO ACCORDATI, IN MODO DA FAR SVOLGERE AL PICCOLO GLI ESAMI DI QUINTA MEDIA IN UN CLIMA SERENO. LA MADRE, CHE RISIEDE A MILANO, POTRA' TUTTAVIA RECARSI A TROVARE IL FIGLIO QUANDO VUOLE.

PERUGIA. SI E' APERTO IERI IL PROCESSO CONTRO I RAPITORI DI PUSCIO DE MEGNI, IL BAMBINO SEQUESTATO DUE ANNI FA E RILASCIATO NEL GENNAIO DEL 91. IL DIBATTIMENTO, AL QUALE ERA PRESENTE IL PICCOLO OSTAGGIO, SI E' APERTO CON UNA CLAMOROSA RICHIESTA DELLA DIFESA: IL LEGALE DI UNO DEGLI IMPUTATI HA CHIESTO LA CONVOCAZIONE COME TESTIMONI DEL PRESIDENTE DELL'INTER, PELLEGRINI, E DEI GIOCATORI ZENGA E BERGOMI. LA RICHIESTA E' STATA AVANZATA PER CONTROBATERE UNA TESTIMONIANZA CHE AVEVA CHIAMATO IN CAUSA LA TRASMISSIONE TELEVISIVA DI UNA PARTITA DEI NERAZZURRI.

MESSINA. DUE NEGOZI SONO STATI INCENDIATI IERI A SANT'AGATA DI MILITELLO ALLA VIGILIA DELLA MANIFESTAZIONE INDETTA DAI SINDACATI CONTRO IL RACKET DELLE ESTORSIONI. UNO DEGLI ESERCIZI DANNEGGIATI E' UN NEGOZIO DI SCARPE IL CUI TITOLARE E' ISCRITTO ALL'ACIS UNA DELLE ASSOCIAZIONI DEI COMMERCIANTI COSTITUITE PER RESISTERE ALLE ESTORSIONI. SOLTANTO PER CASO, GRAZIE AD UNA GUARDIA DI FINANZA CHE AVEVA NOTATO LE FIAMME E HA CHIAMATO I VIGILI DEL FUOCO, I DANNO SONO STATI LIMITATI. (SEGUE)

(RED/GS/ADNKRONOS)