TELEFONO ROSA: ANCHE UNA LINEA PER GIORNALISTE
TELEFONO ROSA: ANCHE UNA LINEA PER GIORNALISTE

roma 6 mar. - (adnkronos) - Una nuova linea del telefono rosa sara' presto funzionante per raccogliere le violenze perpetrate nei confronti delle donne di spettacolo e delle giornaliste attraverso le immagini che si danno di loro. L'idea e' di Dacia Maraini che fa parte del comitato di sostegno dell'associazione di volontarie. Riguardo alla tematica della violenza subita dalle donne la scrittrice dice che la causa di questo e' sicuramente di matrice culturale. ''Io non credo che gli uomini siano violenti per natura, dice. La radice del problema e' sicuramente da ricercare nella nuova confusione riguardo alla divisione dei ruoli fra uomini e donne e nell'immagine che delle donne danno i mass media e la pubblicita'.

Ci sono, poi, altre due novita'che riguardano l'attivita' del telefono rosa. verso la meta' di aprile l'Associazione organizzera', infatti, un corso sulla sessualita' che sara' aperto a uomini e donne; mentre a settembre un altro corso mettera' le donne in condizione di conoscere la legislazione che riguarda i loro diritti.

''Noi siamo infatti uno strumento culturale che si prende degli impegni -dice Giuliana Dal Pozzo, presidente dell'Associazione. La donna, oltre alle violenze maschili subisce anche quella dell'ignoranza riguardo ai mezzi ai quali far ricorso per difendersi. La nostra Associazione ha messo a disposizione una consulenza, completamente gratuita, nei settori legale, para-legale, bancario, psicologico e ginecologico. Ma degli impegni li richiediamo anche alla societa'''. Riguardo a questo la Dal Pozzo sottolinea la mancanza della legge contro la violenza, nella quale si dica che la violenza e' condannata come un delitto contro la persona.

(red/zn/adnkronos)