COLOMBIA: RIPRESA DEI COLLOQUI DI PACE CON IL CGSB
COLOMBIA: RIPRESA DEI COLLOQUI DI PACE CON IL CGSB

BOGOTA', 9 MAR. (ADNKRONOS/DPA) - Il processo di pace si e' rimesso in moto in Colombia: il quinto round dei negoziati tra l'amministrazione del presidente Cesar Gaviria e la delegazione della guerriglia del Coordinamento Guerrigliero Simon Bolivar (Cgsb) avra' luogo infatti domani a Trinidad, circa 150 chilometri ad est di Citta' del Messico. In oltre dodici mesi di intense trattative, tuttavia, le parti in causa non sono ancora riuscite a trovare un accordo sulle questioni principali.

Come ha ribadito il consigliere presidenziale per la pace, Orazio Serpa, i colloqui potranno continuare solo se i ribelli accetteranno un cessate il fuoco, impegnandosi a sospendere gli attentati contro le infrastrutture nazionali. Di diverso parere i delegati della Cgsb -in cui sono confluiti gli uomini dell'Esercito di Liberazione Nazionale (Eln), le Forze Armate Rivoluzionarie di Colombia (Farc) e dell'Esercito di Liberazione Popolare (Epl)- che invece danno la priorita' al disagio di natura economica, sociale e politica che ha provocato trent'anni fa lo scoppio del conflitto armato in Colombia.

Intanto, sono stati diffusi i primi risultati delle elezioni municipali di domenica scorsa in cui si e' registrato un assenteismo pari al 70 per cento su una popolazione di quindici milioni e mezzo di elettori. Non e' una novita' in colombia, dove nelle elezioni parlamentari del dicembre 1990 l'assenteismo ha raggiunto il tetto record dell'80 per cento. A dispetto della scarsa affluenza alle urne, le amministrative di domenica scorsa hanno confermato la forza del partito liberale del presidente Gaviria, che si e' aggiudicato la maggioranza delle poltrone di sindaco in lizza. Il Pl tuttavia ha perso Medellin, cali e Barranquilla, tre delle citta' piu' importanti del paese.

(ROB/gs/adnkronos)