COSSIGA: ''RISPETTOSO MA PIENO E TOTALE DISSENSO'' (3)
COSSIGA: ''RISPETTOSO MA PIENO E TOTALE DISSENSO'' (3)

(Adnkronos) - Per quanto riguarda le accuse che sono state rivolte a Cossiga di essere ''contro il parlamento'', nella nota si sottolinea che il presidente della repubblica ''come democratico e come capo dello stato, ha verso l'istituzione parlamentare il piu' profondo rispetto e la piu' alta considerazione, come si deve alla sede privilegiata dell'esercizio della sovranita' per mandato ed in nome del popolo''.

Tuttavia ''cio' non puo' impedire ne' ha mai impedito, ne' impedira' giammai -prosegue il documento- in un regime democratico, la legittimita' delle critiche verso un certo parlamento, verso gli atti di un certo parlamento, verso la composizione di un certo parlamento e cioe' verso il parlamento come si comporta e come agisce nella realta' dei suoi componenti''.

Tanto meno -si aggiunge nella nota- ''puo' giammai impedire a chi ha il dovere di farlo, la verifica dei presupposti giuridici e delle condizioni istituzionali in cui puo' essere chiamato ad operare un parlamento disciolto, mentre e' in atto il processo giuridico-politico delle elezioni del nuovo parlamento, che sara' la rinnovata espressione della volonta' della nazione e cui si deve uguale o forse maggiore rispetto e considerazione che verso il parlamento disciolto; e cio' specie quando, come nel caso in esame, la non ricandidatura di oltre un terzo dei membri delle camere attutisce di fatto la legittimazione politico-democratica delle camere stesse, rispetto alle quali viene meno la piena applicabilita' del principio della loro responsabilita' nei confronti del corpo elettorale''. (Segue)

(Red/gs/adnkronos)