ELEZIONI: RIVERA SUI CANDIDATI 'SPORTIVI' IN TV
ELEZIONI: RIVERA SUI CANDIDATI 'SPORTIVI' IN TV

MILANO, 9 MAR. - (ADNKRONOS) - ''LE REGOLE DEVONO VALERE PER TUTTI''. E' QUESTO IL PARERE DI GIANNI RIVERA, INTERPELLATO DALL'ADNKRONOS SULL'OPPORTUNITA' O MENO DI 'OSCURARE' PROGRAMMI SPORTIVI CHE VEDONO PROTAGONISTI CANDIDATI ALLE ELEZIONI DI APRILE. ''SE C'E' UNA REGOLAMENTAZIONE ALL'INTERNO DELLA RAI E DELLE RETI NAZIONALI -HA ARGOMENTATO RIVERA- QUESTA VA RISPETTATA DA TUTTI I CANDIDATI ALLE PROSSIME ELEZIONI''.

''SE UNO SI CANDIDA, -HA PROSEGUITO RIVERA- ALMENO NEL PERIODO IN CUI E' CANDIDATO DEVE FARE SOLO QUELLO, BASTA FERMARSI UN MESE. LO STESSO VALE ANCHE PER QUANTO RIGUARDA I COSIDDETTI SPORT DI SQUADRA: UN CALCIATORE NON DOVREBBE CANDIDARSI MENTRE E' ANCORA IN PIENA ATTIVITA', NON MI SEMBRA OPPORTUNO. A LIVELLO LOCALE LE EMITTENTI PRIVATE CONCEDONO SPAZI AI CANDIDATI E QUESTO, A MIO AVVISO, E' GIUSTO MA SU SCALA NAZIONALE SE C'E' UNA SORTA DI AUTOREGOLAMENTAZIONE HA CONCLUSO- QUESTA VA RISPETTATA DA TUTTI''.

(ROS/RDA/ADNKRONOS)