ISRAELE: MORTO BEGIN (12) - I FUNERALI
ISRAELE: MORTO BEGIN (12) - I FUNERALI

(adnkronos/dpa) - Si e' svolta senza incidenti, senza grossa commozione e senza molto clamore, sottotono proprio come avevano sperato i figli, la cerimonia funebre di Begin. Con i famigliari, le due figlie Chassia e Lea e il figlio maschio Benjamin, che ha personalmente recitato le tradizionali preghiere ebraiche intorno alla salma collocata nella camera ardente di Sanhedria, e con le massime autorita' dello stato, hanno sfilato in mesto corteo fino ai cancelli del cimitero del Monte degli Ulivi migliaia di israeliani.

Poi, dopo questo estremo omaggio collettivo, in pochi hanno oltrepassato la soglia del ''luogo del silenzio'' insieme alla bara portata a spalla da sei intimi di Begin -tutti ex affiliati alla potente organizzazione terroristica antibritannica e antiaraba che lui diresse fino al 1948, fino alla nascita cioe' dello stato di Israele, la famigerata Irgun- e collocata accanto alla tomba di Aliza, la moglie dello statista che mori' nell'82 contribuendo con la sua scomparsa alla profonda depressione che lo porto' ad abbandonare la vita politica.

A fare da ''maestro di cerimonie'' ai funerali di Begin e' stato Moshe Nissim, responsabile del comitato governativo del protocollo, che ha cercato di rispettare le volonta' dei parenti, organizzando una ''cerimonia estremamente semplice e umile''. Questa mattina si e' tenuta anche una riunione di gabinetto simbolicamente convocata per commemorare l'ex statista.

(iac/gs/adnkronos)