SUICIDI ADOLESCENTI: SABINO ACQUAVIVA
SUICIDI ADOLESCENTI: SABINO ACQUAVIVA

roma, 9 mar.(adnkronos) - ''i suicidi adolescenziali sono sicuramente aumentati, ma non possono considerarsi il prodotto della nostra societa'''. lo sostiene il sociologo sabino acquaviva commentando i recenti casi di suicidio da parte di adolescenti.

''i ragazzi -prosegue acquaviva- vivevano prima in famiglie 'allargate' che avevano la funzione di ammortizzare il disagio. lo stesso rapporto con i genitori si e' indebolito, sono fuori tutto il giorno, ci si incontra solo la sera, manca l'interazione affettiva che prima filtrava il disagio psicologico dell'adolescente. infine -aggiunge- c'e' il crollo del sistema di valori. i giovani non hanno piu' valori chiari, programmi di vita consistenti''.

mancano quindi, secondo il sociologo, le capacita' di comprendere e aiutare l'adolescente a rendere evidente il proprio disagio.'' nella fase preadolescenziale e adolescenziale -conclude acquaviva- tutto viene vissuto piu' drammaticamente, con forti tempeste emotive, di fronte alle quali i meccanismi di difesa possono essere piu' labili o addirittura inesistenti ed hanno quindi bisogno di maggiori supporti''. (segue)

(red/pe/adnkronos)