DOPO MAASTRICHT: OCCHETTO - ITALIA ALLE CORDE, EUROPA LONTANA
DOPO MAASTRICHT: OCCHETTO - ITALIA ALLE CORDE, EUROPA LONTANA

roma, 9 mar. (adnkronos) - ''il trattato di maastricht va forse oltre le previsioni di alcuni, ma rimane sicuramente inferiore alle speranze di molti''. percio', una ''unione politica democratica resta un obiettivo da conquistare''. cosi', achille occhetto raccoglie la sfida lanciata dal vertice olandese e propone alla sinistra europea di assumere l'iniziativa per cogliere appieno le opportunita' di una comunita' aperta ''verso est, ma anche verso sud''.

per occhetto, che ha inviato un messaggio al convegno del pds su ''dopo maastricht: le responsabilita' italiane nella costruzione euroopea'', i destini dell'europa e della sinistra ''tendono ad intrecciarsi strettamente'': l'unione europea non sara' possibile ''senza il contributo essenziale delle forze della sinistra'', mentre tali forze ''non riusciranno a superare le loro attuali difficolta' senza assumere una ben piu' netta strategia europea''.

quanto all'italia, il leader di botteghe oscure sottolinea come il paese ''che da sempre si proclama europeista a parole'' sia oggi ridotto ''ai margini dell'europa'' per colpa della ''pessima gestione dei partiti che hanno guidato il governo negli ultimi dieci anni''. i successi vantati negli anni '80 ''hanno rivelato la loro fragilita': abbiamo gettato al vento -prosegue il messaggio di occhetto- gli spazi di risanamento aperti dalla congiuntura favorevole e, ora che il vento soffia contrario, l'italia e' alle corde''. paese ''malato'' che dovra' ''guarire per partecipare al processo europeo''. a questo punto, afferma il leader di botteghe oscure, ''non e' credibile che le stesse forze politiche che sono a monte di questo clamoroso insuccesso si candidino a guidare il rientro in europa''. (segue)

(pnz/PE/adnkronos)