ELEZIONI: GRAMAGLIA E TURCO DIFENDONO SPOT ''VOTA DONNA''
ELEZIONI: GRAMAGLIA E TURCO DIFENDONO SPOT ''VOTA DONNA''

Roma, 25 Mar. (Adnkronos) - Contro il liberale Emanuele Mori che ha presentato un ricorso contro la campagna elettorale ''vota donna'' promossa dalla commissione parita' della presidenza del consiglio si sono dichiarate Mariella Gramaglia e Livia Turco, del pds.

''I candidati maschi del pli -ha detto Livia Turco- si stanno distinguendo per aver caratterizzato la loro campagna elettorale contro le donne. Ha cominciato Altissimo dichiarando di voler abolire per legge una festa che per legge non c'e' e cioe' l'8 marzo, festa della donna''.

Secondo Mariella Gramaglia ''Emanuele Mori e' contro la costituzione''. Infatti, a suo avviso, ''in un paese in cui il 90 per cento dei rappresentanti del popolo sono ancora uomini, la campagna della presidenza del consiglio per il vota donna ha il grande significato di denunciare i limiti della nostra democrazia e di contribuire a rimuoverli''.

(Red/gs/adnkronos)