ELEZIONI: RUFFOLO SU MORALITA' E POLITICA NEL PSI (2)
ELEZIONI: RUFFOLO SU MORALITA' E POLITICA NEL PSI (2)

(ADNKRONOS) - RUFFOLO HA RICORDATO CHE IL PARTITO ''NATO COME UN GRANDE PARTITO POPOLARE E DI MASSA, HA PERSO QUESTO RADICAMENTO DI MASSA. E POICHE' E' CONDANNATO A GOVERNARE, HA MIRATO A GESTIRE LE ISTITUZIONI E QUINDI A ESSERNE IMPRIGIONATO. A QUEL PUNTO -HA OSSERVATO- IL POTERE SI DELEGITTIMA PIAN PIANO E LA GENTE SE NE ACCORGE. E QUESTO PER UN PARTITO RIFORMISTA RISCHIA DI ESSERE UNA TREMENDA PALLA AL PIEDE''.

SECONDO IL MINISTRO ''LA RIDUZIONE, NEL PSI, DEL TASSO DI LEGALITA' DELLE REGOLE DELLE GARANZIE E' UN FENOMENO CHE ALLA LUNGA PUO' DIVENTARE UNA FORMA DI ARTERIOSCLEROSI. NOI NON ABBIAMO PIU' BISOGNO DI CORRENTI ORGANIZZATE -HA SOTTOLINEATO RUFFOLO- MA DI CORRENTI DI IDEE ALL'INTERNO DEL PARTITO''.

RIGUARDO POI ALLA QUESTIONE ''DI COSTUME'' COSA CHE NON SI PUO' FONDARE SUI DECRETI MA SUI COMPORTAMENTI, RUFFOLO HA AFFERMATO ''NON VOGLIAMO INTERFERENZE TRA LA SFERA PRIVATA E LA SFERA PUBBLICA. NON LO VOGLIAMO IN UN SENSO E NELL'ALTRO; SAREBBE INTOLLERABILE''.

''NON DOBBIAMO OFFRIRE -HA DETTO IN CONCLUSIONE- UN 'EFFETTO SERRA ALLE MALE PIANTE'. C'E' UNA INDULGENZA A CCERTO RAMPANTISMO PACCHIANO CHE DEVE ESSERE COMBATTUTO. LA GENTE E' SEMPRE PIU' INTOLLERBILE RISPETTO A FENOMENI DI MALCOSTUME''.

(RED/RDA/ADNKRONOS)