''SAMARCANDA'': IL ''CASO'' (2) - VELTRONI-VESPA
''SAMARCANDA'': IL ''CASO'' (2) - VELTRONI-VESPA

(ADNKRONOS) - Per Veltroni la lettera con cui Borri - dopo la puntata sull'omicidio di salvo lima - ha sollecitato la rai ad occuparsi di eventuali violazioni del programma agli indirizzi dettati dalla commissione in materia pre-elettorale ''rimane un fatto personale''. ma, come iniziativa presa da un organo istituzionale quale il presidente della commissione, ''deve essere valutata in sede comune''.

sempre sulla trasmissione di raitre, a margine del convegno romano, c'e' da registrare uno scambio di battute ''a distanza'' tra il direttore del tg1 bruno vespa e quello del tg3 alessandro curzi. il primo, interpellato sulla sospensione del programma, si e' limitato a dire che ''santoro si e' montato la testa'', per poi aggiungere: ''io non vado a chiedere alla gente se hanno fatto bene ad ammazzare lima. che uno possa chiederlo e possa sbagliare, va bene, ma che faccia di questo una linea editoriale mi pare eccessivo''.

Secca la replica di curzi: ''se vespa continua a ripetere questo, e' un'infamia. vedendo la trasmissione di ferrara (''l'istruttoria'' di venerdi' scorso sul caso ''samarcanda'' n.d.r.) tutti hanno avuto modo di constatare come sono realmente andate le cose''. quanto a santoro ''montato'', ''a vespa evidentemente dispiace - afferma il direttore del tg3 - che dove va santoro la gente lo riconosce e lo applaude. forse dove va vespa c'e' molto meno interesse''.

(val/pan/adnkronos)