CSM: ARCHIVIAZIONE (3)
CSM: ARCHIVIAZIONE (3)

(Adnkronos) - Il 19 marzo successivo perveniva ulteriore nota del giorno 4 marzo precedente con la quale il Ministro di Grazia e Giustizia, anch'egli destinatario della segnalazione del sen. Gualtieri, trasmetteva a questo consiglio la lettera di risposta (in data 28.2.1992) allo stesso sen. Gualtieri; lettera nella quale si faceva presente, sulla base di quanto personalmente appreso dal Ministro da parte dei dottori Ionta e Nitto Palma, che:

- l'esame del dottor Antonio Maresca si era reso necessario ''in quanto lo stesso era apparso dall'indagine come coinvolto in possibili dazione di documenti'';

- il dottor Maresca era stato sentito ''come teste e non come indagato, anche al fine di accertare le modalita' di protocollo, custodia e focopiatura degli atti classificati pervenuti alla Commissione Stragi''; (''Si doveva infatti verificare se taluni atti inviati dalla Procura Militare di Padova alla Commissione Stragi e sequestrati in copia a Bazzanella e Pugliese provenissero dalla Commissione e dalla indicata Procura'');

- ''per l'esame del Maresca nessuna norma imponeva... di rivolgersi previamente al Presidente della Commissione o di esaminare questi in alternativa rispetto al Maresca stesso''.

Segnalava inoltre -e tra le altre cose- che l'on. De Julio, componente della Commissione, aveva accusato i dottori Ionta e Nitto Palma ''di essere legati a non meglio precisati gruppi di potere''. (segue)

(Red/Zev/Adnkronos)