MEDICINA: I PARAPLEGICI POSSONO CAMMINARE
MEDICINA: I PARAPLEGICI POSSONO CAMMINARE

Roma, 13 mag.(adnkronos) - Para e tetraplegici, soggetti con paralisi degli arti in seguito a traumi ed incidenti, possono oggi tornare ad aquistare la posizione eretta, mantenere il proprio corpo in equilibrio e camminare, grazie ad avanzate tecniche di riabilitazione che vengono dagli stati uniti: RGO e FES.

La novita', sperimentata da poco anche in italia, e' un metodo combinato che sfrutta due fattori: un particolare tipo di tutori, detti ortesi o rgo, reciprocating gait orthesis, cioe' delle armature leggere in plastica e metallo che contengono e sorreggono parte del tronco e gli arti inferiori dei paraplegici, consentendo loro di alzarsi e di mantenersi in equilibrio, e un sistema di stimolatori o fes, stimolazione elettrica funzionale, tipo quelli in uso presso la louisiana state university.

Gli stimolatori sono un sistema di elettrodi da applicare sulle gambe collegati ad una centralina a batteria, poco piu' grande di un pacchetto di sigari, che mediante un comando manuale o automatico invia impulsi elettrici ai muscoli stimolandone la contrazione e consentendo cosi' il movimento. ''In questo modo - ha spiegato il professor marco marchetti, ordinario di fisiologia umana e direttore della scuola di specializzazione in medicina dello sport dell'universita' di roma 'la sapienza', che fa parte del gruppo di ricercatori che si occupa delle nuove possibilita' riabilitative - i soggetti paraplegici riescono ad indossare da soli l'ortesi e quindi a camminare, aiutati dalla stimolazione elettrica funzionale. Oltre alla funzionalita', questi tutori non rappresentano piu' delle corazze che imprigionano i malati''. (segue)

(ria/as/adnkronos)