SCALA MOBILE: CGIL - NON PAGARE E' ILLECITO
SCALA MOBILE: CGIL - NON PAGARE E' ILLECITO

roma 13 mag. - (adnkronos) - non pagare il punto di scala mobile di maggio rappresenta un atto ''non solo illecito, ma anche un risparmio irrisorio per la struttura dei costi delle imprese e dannoso per le casse dello stato''. ad affermarlo e' il dipartimento di politica economica della cgil che ha elaborato i dati diffusi oggi dalla commissione nazionale per l'indice sindacale del costo della vita.

l'aumento dell'inflazione tra il novembre 1991 e il maggio 1992 e' stato del 2,5 per cento. lo scatto medio del punto di contingenza a maggio e' dunque di 28/30 mila lire medie lorde (19/20 mila lire medie nette), di cui 21.204 per tutti e 7/9 mila lire medie dovute all'indicizzazione del 25 per cento della quota eccedente le 838.122 lire.

secondo le elaborazioni degli economici della cgil, per il 1992 il non pagamento dello scatto di contingenza di maggio taglierebbe le buste paga di 252.000 lire medie lorde. il risparmio per le imprese del settore industriale sarebbe di circa 1.400 miliardi, per quelle dei servizi di 1.700 e per la pubblica amministrazione di 900 miliardi (per un totale di 4 mila mld). il costo del lavoro nel settore industriale, calerebbe dello 0,9 per cento, mentre la struttura dei costi delle imprese se ne avvantaggerebbe solo dello 0,3 per cento.

per la cgil, il non pagamento del punto di maggio rappresenta dunque ''un atto politico di rottura, privo di effetti sulla struttura dei costi e percio' sulla competitivita' dei prodotti. al tempo stesso - affermano ancora nella cgil - l'aumento delle retribuzioni contrattuali dei lavoratori sarebbe inferiore al tasso di inflazione: una vera e propria decurtazione''.

(com/zn/adnkronos)