NENNI: NELL'ARCHIVIO 40 ANNI DI RETROSCENA POLITICI
NENNI: NELL'ARCHIVIO 40 ANNI DI RETROSCENA POLITICI

ROMA, 23 GIU. -(ADNKRONOS)- perche' l'accordo per la riunificazione fra psi e psdi salto'? come si arrivo' alla nascita del primo governo di centro-sinistra? quale fu la posizione dei socialisti sul rapporto krusciov? palmiro togliatti cosa pensava veramente della classe dirigente democristiana? a queste e a molte altre domande che hanno segnato la storia italiana dall'inizio della seconda guerra mondiale alla fine degli anni settanta e' ora possibile dare una risposta grazie all'apertura al pubblico dello sterminato archivio personale del leader socialista pietro nenni, custodito per volonta' testamentaria presso la fondazione romana a lui intitolata.

in oltre 140 casse, di cui solo 37 dedicate alla corrispondenza, sono contenuti migliaia e migliaia di documenti: appunti preparatori dei suoi interventi alla camera, discorsi ufficiali nelle sedi di partito, materiale utilizzato per la stesura di introduzioni a volumi, interventi televisivi e discorsi commemmorativi, verbali ufficiosi delle piu' disparate riunioni. pietro nenni, ha detto il professor giuseppe tamburrano, presidente dell'omonima fondazione, ''amava conservare in maniera pignola tutto quello che gli passava tra le mani e annotare tutto quello che lo vedeva protagonista: quando lui non era in grado di prendere appunti, incaricava qualche assistente di fare il resoconto del suo intervento''.

l'archivio privato di nenni, che e' stato completamente catalogato dopo sette anni di lavoro dai funzionari della soprintendenza archivistica centrale, sara' presentato alla stampa giovedi' mattina alle ore 11.30 dal professor tamburrano, che per l'occasione ha radunato personaggi di spicco quali francesco de martino, giacomo mancini, giuliano vassalli, vittorio foa, massimo severo giannini, walter pedulla', rino formica e fabio fabbri. (segue)

(red/pan/adnkronos)