CASO GELA: GALLONI - IL CSM (2)
CASO GELA: GALLONI - IL CSM (2)

(ADNKRONOS) - INFATTI PER IL VICEPRESIDENTE DEL CSM ''SINO A CHE LE PROCEDURE RESTANO RISERVATE NON C'E' DELEGITTIMAZIONE DEI MAGISTRATI CHE INVECE ORA SI TROVANO SOTTO LA BUFERA. NON C'E' RESPONSABILITA' NE' DEL CONSIGLIO NE' DELLA COMMISSIONE'', CONCLUDE GALLONI RIFERENDOSI AI TEMPI DEL'INDAGINE DEL CSM SU GELA, ''ED ORA SI PROCEDERA' CON LA MAGGIORE TEMPESTIVITA'''.

RESTANO PERO' LE DIFFICOLTA' NEL LAVORO DEL CSM, CHE PER IL VICEPRESIDENTE POTREBBERO PORTARE L'ORGANO ALLA PARALISI. RIFERENDOSI ALLA LEGGE VARATA NEL 1990, PER L'IMMISSIONE IN RUOLO DI PERSONALE CIVILE, GALLONI RICORDA CHE ''LA LEGGE PREVEDE CONCORSI DA FARE SULLA BASE DEL REGOLAMENTO PREPARATO DAL MINISTRO CHE CI AVEVA CHIESTO UN PARERE. DOPO CHE IL CSM LO HA DATO'', AGGIUNGE GALLONI OMETTENDO DI DIRE CHE ERA NEGATIVO, ''ORA TOCCA AL MINISTERO FARE I CONCORSI, PER EVITARE CHE VENGA MENO IL PERSONALE A TEMPO, I CUI COMANDI DEVONO ESSERE RICONFERMATI''.

''SE NON LO SARANNO POSSIAMO TROVARCI IN DIFFICOLTA'. INOLTRE LA LEGGE -AGGIUNGE- PREVEDE CHE DEI 12 MAGISTRATI ATTUALMENTE ALLA DIREZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DEL CONSIGLIO, NE RESTERANNO SOLO 4 ALL'UFFICIO STUDI, PIU' IL SEGRETARIO GENERALE ED IL SUO VICE. GIA' ORA -SOTTOLINEA GALLONI- OCCORREREBBE BANDIRE I CONCORSI PER SOSTITUIRE QUELLI CHE SE NE STANNO ANDANDO''. ''SI POTREBBE ALMENO TENTARE DI FARE UNA INTEGRAZIONE ALLA LEGGE'' SUGGERISCE IL VICEPRESIDENTE, ''PER EVITARE UNA PARALISI DELL'ORGANO, MAGARI CONSENTENDO L'APPLICAZINE DEI MAGISTRATI ALLE FUNZIONI DIRETTIVE COME ADDETTI E SEGRETARI DELLE COMMISSIONI. ALTRIMENTI IL CONSIGLIO NON PUO' PIU' FUNZIONARE.

(AND/ZN/ADNKRONOS)