M.O.: NEMER HAMMAD (2) - RABIN CONTROCORRENTE
M.O.: NEMER HAMMAD (2) - RABIN CONTROCORRENTE

(ADNKRONOS) I palestinesi hanno interpretato il voto del 23 giugno come la sconfitta del Likud di Yitzhak Shamir e soprattutto come la vittoria della sinistra. ''Se Rabin volesse veramente intraprendere una via contraria a quella del Likud, dovrebbe fare un governo di sinistra, con i partiti arabi, con una partecipazione possibile anche dello Shas, un partito religioso per il quale la vita umana e' piu' preziosa della terra'' dice Hammad, sottolineando che Rabin, ''l'uomo piu' a destra del Labour'', va controcorrente anche all'interno del partito laburista. ''Da' l'impressione che la vittoria nelle elezioni sia la sua e non del Labour. All'ultimo congresso del partito israeliano, una corrente arrivo' persino a minacciare di passare in blocco nelle fila del Meretz se il Labour non avesse preso una posizione a favore del processo di pace''.

Dopo aver ricordato che ''solo nei giorni scorsi'' Rabin ha dichiarato che ''il Golan senza pace e' preferibile ad una pace senza Golan'', Hammad invita le parti coinvolte nel processo di pace ''a non farsi trascinare dall'ottimismo, dal clima ''di grande flessibilita''', del dopovoto. ''Occorre procedere con prudenza. Il dato incoraggiante e' che Israele ha votato per un cambiamento, per il dialogo con i palestinesi. Non c'e' piu' Shamir che ha confessato il suo intento di affossare il processo di pace. Si e' voltato pagina ma quel che sta scritto su quella nuova lo sapremo solo quando Rabin avra' formato il suo nuovo governo''.

(lar/as/adnkronos)