VOGLIA D'AUTHORITY: SAJA - ''ATTENZIONE ALLE CONFUSIONI''
VOGLIA D'AUTHORITY: SAJA - ''ATTENZIONE ALLE CONFUSIONI''

roma, 4 lug (adnkronos)- ''Qui ci vuole l'authority''. Per vendere i beni dello stato o salvare il mezzogiorno sembra proprio che l'istituzione di un organismo speciale, come l'authority di anglosassoni natali, sia il viatico per il successo. Ma Francesco Saja, garante della commissione sulla libera concorrenza, interpellato dalla adnkronos, avverte: attenzione a non confondere. Per il mezzogiorno l'intervento e' di merito, nelle privatizzazioni dovrebbe essere essenzialmente di legittimita'.

Afferma infatti Saja: ''Per quanto riguarda la politica meridionale l'istituzione di un'authority (ipotesi avanzata da Massimo annesi presidente dello svimez ndr) risponde a esigenze di convenienza e opportunita'politica, nel senso buono del termine, non ha cioe' quelle necessita' tecniche invece richieste per gestire bene la privatizzazione delle imprese pubbliche. Se nel primo caso si pongono problemi di merito, nel secondo il problema e' di legittimita' ovvero di correttezza nello stabilire quello che deve essere il prezzo corrispettivo della cessione. E cio' va fatto senza alcuna discrezionalita' in tutta onesta' e con competenza tecnica''.

Obiettivo principale di una eventuale Authority per le privatizzazioni, proposta lanciata da mario Draghi direttore generale del tesoro, deve dunque essere quello di garantire la massima trasparenza del processo. ''E' necessario - spiega Saja - affidare la gestione delle privatizzazioni delle imprese pubbliche ad un organismo tecnico ed indipendente, guidato e composto da persone con requisiti di onesta' e competenza che evitino qualunque sospetto''.

''Del resto - aggiunge - nei paesi in cui l'esperienza delle privatizzazioni e' gia' una realta', e' stato costituito un organismo capace di far attuare nel modo migliore questo procedimento, estremamente delicato in quanto bisogna stabilire il valore del bene e bisogna evitare in qualsiasi modo che vi posssano essere inquinamenti nella determinazione del prezzo''. (segue)

(maz/as/adnkronos)